Alimentazione Vegetariana: il Cibo della Non-Violenza

Sono state e vengono tutt’ora dette tante cose in merito alla dieta vegetariana, massimi esperti come il Professor Colin Campbell, il celebre autore del più grande studio epidemiologico mai realizzato (The China Study), dedicato in larga parte alla nutrizione,  afferma che l‘ingestione delle proteine animali è dannosa per il corpo umano,

Il Prof. Campbell viene considerato una fra le autorità mondiali in merito alla nutrizione, riconosciuto ovviamente dalla medicina ufficiale. Al contrario, esperti ugualmente riconosciuti affermano che una dieta esclusivamente a base vegetale, e proteine vegetali quindi, non aiuterebbe la fisiologia nel suo corretto sviluppo e mantenimento, ma… se dovessimo dare retta a tutte le campane che ascoltiamo, chi per un verso che per un altro, diventeremmo, prima o poi, “intronati”… come si dice in gergo!

Questo perché la nutrizione o l’alimentazione vegetariana (o vegana), non è solo una questione di giusto apporto proteico, vitaminico, calorico, ecc. MA è un argomento ben più ampio, che spazia in profondità all’interno: dell’etica, della salute sicuramente e della spiritualità. Nel Corso di Meditazione viene offerto un punto di vista spirituale attraverso cui l’essere viene visto non solo attraverso la lente fisica, e si arriva piano piano a quale tipo di nutrizione sarebbe più corretta per noi.

Finché non ci decidiamo ad esplorare ed INTEGRARE queste tre aree, correremo sempre dietro a quel medico più o meno preparato dell’altro, che ci offre una soluzione a noi più o meno aderente. Bene o male tutti oggi siamo venuti, o possiamo venire a conoscenza tramite documentari e reportage, di ciò che viene inferto quotidianamente al regno animale, questo attacco, che poi potrai osservare coi tuoi occhi, viene attuato in nome di una nutrizione sana, equilibrata ed adatta al fabbisogno umano, questo potrebbe anche essere vero, nonostante ci siano studi e posizioni comprovate dall’A.D.A. (American Dietetic Association) che attestano che un alimentazione a base di vegetali e frutta sia estremamente più congeniale, per la costituzione umana, rispetto alla dieta a base di proteine animali.

Ma diciamo che potrebbe essere comunque sia vero che le proteine animali sono adatte al fabbisogno fisiologico umano, ciò che però non è eticamente corretto è l’abominio che si commette, anche adesso che leggi questo articolo, a delle specie di animali, tutt’ora viventi sulla terra, ricordiamoci che l’etica è qualcosa di fondamentale per il pacifico e lieto vivere di noi esseri umani e per il buon andamento delle relazioni non solo inter-personali ma anche con l’ambiente, guarda adesso invece cosa facciamo noi uomini per “supportare” il nostro fabbisogno, le risorse che stai per vedere sono molto FORTI, sono vere, quindi andrebbero viste per osservare la verità, MA non farlo se hai appena mangiato o se devi andare a mangiare, o se comunque sia certe immagini possono disturbare la tua moralità:


Queste immagini parlano da sole, non ci sarebbe bisogno di aggiungere altro, la pecca è che pochi sanno come vanno veramente le cose, quindi le cose continuano ad andare come vogliono. Mio padre ad esempio ha smesso di comprarsi giubbetti o coperte in piumino d’oca quando ha saputo che questi poveri animali vengono spellati vivi (senza anestesia), una volta conosciuto questo orrore, in nome dell’etica che fortunatamente ancora non è morta, ha scelto di non prendere più parte a questo concorso.

Ma se l’Etica può essere lavorata come un buon avvocato lavorerebbe il codice penale, a livello di SALUTE sono rimasti pochi dubbi che un’alimentazione a base di cereali, legumi, vegetali e frutta, ben bilanciata ovviamente, favorisca la vitalità ed il benessere fisico e mentale, rispetto ad una dieta onnivora e fondata sul consumo di cibi animali. Dal 2000 al 2010, solo in Italia, la Lega Italiana per la Lotta hai Tumori ha riscontrato un aumento dei tumori pari al 10%, ed una della cause principali, a loro detta, va proprio trovato nella cattiva alimentazione, e sai una cosa? L’80% e più degli italiani segue una dieta a base di proteine animali, quindi, fortunatamente 1+1 fa ancora 2, ossia: le proteine animali favoriscono l’insorgenza tumorale, non solo queste certamente ma anche le schifezze che s’ingurgitano + l’inquinamento ambientale e tante altre belle cose; ma l’alimentazione generalmente condivisa è una fra le prime cause.

Non tutti sanno infatti che l’apparato digerente umano è di gran lunga più simile a quello di un erbivoro che a quello di un carnivoro: l’intestino di un carnivoro è molto corto, è un po’ come un tubo messo per lungo dallo stomaco all’ano per favorire la quasi immediata espulsione dei cibi. Questo non avviene con l’intestino umano che è molto lungo e svariate volte ripiegato su stesso, SOPRATTUTTO l’acidità dello stomaco umano è molto inferiore rispetto a quella dei carnivori, di conseguenza quando introduciamo sostanze difficili da metabolizzare (vedi carne, ecc.) spesso non vengono digerite al 100% e continuano a viaggiare nell’intestino FERMANDOSI qua e là nelle sue tante curve, restando imprigionate per giorni, mesi o anche molto di più e, cosa più importante, andando in PUTREFAZIONE, stimolando così l’insorgenza di cellule cancerogene. Sapendo tutto questo, sarebbe bene cominciare a ponderare delle scelte.

Ma il vero anello di collegamento va trovato in una verità che giace più a monte sia dell’etica che della salute stessa, meglio sarebbe se si chiamassero etica-spirituale e salute-spirituale. Chi si cimenta in un tipo di alimentazione vegetariana o vegana infatti, è spinto da un desiderio di benessere, vitalità, libertà, maggior rispetto per se stesso e l’ambiente, ma raramente ci si sofferma e si scava più a fondo sulla valenza di una motivante spirituale per abbandonare la dieta carnivora in favore di quella vegetariana.

Noi siamo spirito; ecco in breve cosa afferma il mondo della ricerca interiore, la nostra essenza, ciò che mantiene in vita e sostiente il nostro corpo fisico siamo noi, in quanto sé spirituale (vedi Corso di Meditazione, I e II lezione) questo sé spirituale va chiaramente condiviso ed allargato alla sfera animale, il dibattito religioso ” se gli animali hanno o meno un’anima” è obsoleto oramai (meglio sarebbe dire sepolto), ed è ben più accessibile dalla collettività tramutandolo in un dibattito spirituale, ossia: gli animali sono anch’essi anime incarnate in corpi differenti da quelli umani? La risposta è si. E’ sufficiente scendere in una sincera introspezione del proprio sé per carpire queste verità del reame animale… in realtà sarebbe sufficiente un minimo di cuore e di buon senso ^_^

Ora, il principio karmico di causa ed effetto, la famosa legge scientifica di azione/reazione afferma che tutte le volte che noi esprimiamo una forza od un intenzione, questa, una volta raggiunto il suo obbiettivo ritorna verso di noi, uguale e contraria. Non possiamo in pratica esimerci dal saldare i debiti che andiamo creando o dal ricevere le ricompense per le nostre azioni positive, karma significa scambio, nel senso che quello che io do e che esprimo, prima o poi lo ricevo, è come un equilibrio e bilanciamento cosmico del quale noi esseri umani facciamo parte (ne fanno parte ovviamente anche gli animali e la natura). Originariamente karma significa azione, le azioni che faccio hanno un certo impatto che “rimbalza” nel mondo della materia e torna al mittente = legge di equilibrio.

Ora, quando andiamo ad uccidere un animale per cibarci della sua carne, quando andiamo al supermercato a comprare la fettina, quando andiamo al ristorante a mangiare il pesce, stiamo generando una forza in accordo alla morte o al concorso di morte di altre forme di vita, e CHI ne paga le conseguenze (oltre all’animale morto), prima o poi, siamo noi in prima persona. Ci imbrigliamo costantemente in legami di causa ed effetto con altre forme di vita, dai quali diventa poi molto difficile uscire, soprattutto appesantiamo la nostra vitalità spirituale con il concorso all’uccisione di altri esseri, che forse non avrebbero proprio voluto finire fra le nostre fauci come SICURAMENTE noi non vogliamo finire fra le fauci di uno squalo mentre facciamo il bagno al mare.

Questo diritto che ci arroghiamo nei confronti del regno animale determina la nostra impossibilità, a certi livelli, di generare una liberazione spirituale sostanziale e determina l’eterna schiavitù nei confronti di sfere e pulsioni animali che soffocano il desiderio di colui o colei che desidera elevarsi verso reami più sottili della percezione, in sintesi la mia alimentazione dovrebbe essere il meno impattante possibile verso l’ambiente, per riuscire a vivere il più possibile in armonia.

Oggi la parola armonia risuona un po’ una beffa perché siamo arrivati ad un grado tale di sconquassamento ed alterazione degli equilibri che, QUALSIASI passo facciamo, inneschiamo una serie di eventi che disturbano la quiete precaria dell’ambiente intorno a noi, ciò non m’impedisce di causare però il meno danno possibile, se vedo un muro grigio di pedate non devo per forza stamparci anche il mio stivale… posso esimermi dal farlo.

Ad ogni modo la scelta è mia… è tua ed è nostra. Ed oggi abbiamo analizzato 3 sfere molto importanti che possono dirigere la nostra alimentazione verso una condotta in grado di liberarci da fardelli non solo psico-fisici ma anche, e soprattutto, da annebbiamenti del nostro spirito causati da scelte non proprio in armonia verso determinati reami, ciò che mi si prospetta davanti è una scelta MA ciò che ne posso conseguire mi assicura un beneficio difficile da immaginare se sono al primo passo di questa riscoperta! Il suggerimento quindi è… vai avanti, non pensare adesso, segui il tuo cuore!

Tutto il Meglio per la Tua Realizzazione

Università Sprituale Brahma Kumaris

A proposito dell'autore

Marco De Biagi
Marco De Biagi

Marco De Biagi vive e lavora a Milano. Coordina le attività della Brahma Kumaris in Lombardia assieme a un team e dirige con successo gli eventi online ed offline della Self Help Academy, un'accademia di auto aiuto.

27 Commenti

Lascia un commento
  • visto che siamo per la non violenza, non capisco perchè mettete su questo sito scene come le chiamate voi, “forti”, sono tentata di non aprire più la vostra rubrica! grazie

    • L’intento infatti è proprio quello di creare un dibattito per far luce su di un argomento delicato,

      molte grazie,

      Marco
      Università Brahma Kumaris

  • @ rosetta:
    Cara Rosetta, grazie per il tuo commento,
    è vero, siamo per la non violenza,

    questo però non vuol dire che di tanto in tanto
    non ci si possa ricordare di quello che avviene
    in giro nel mondo (ed anche in Italia),

    certe immagini non servono a soddisfare il nostro sadismo
    ma, forse, ad aprirci gli occhi su ciò che noi umani
    siamo capaci di fare; ed agire poi in base ad una nostra scelta.

    Vero è che se mai vedo determinati difetti, mai li posso correggere
    perché per me non esistono, visto che non li vedo.

    Nell’articolo era scritto A CHIARE LETTERE
    di non vedere i filmati se questi potevano urtare,

    se invece tu lo hai fatto (suppongo) vuol dire
    che vuoi andare al di là del velo con cui
    guardiamo la realtà,

    ad ogni modo grazie del tuo suggerimento,
    sarà molto utile per il futuro,

    Marco
    Università Brahma Kumaris

  • come puo l’essere umano causare sofferenze cosi’ atroci a creature innocenti cosi meravigliosi, e questo solo x nutrirsi della loro carni, ignorando (volontariamente o ivolontariamente) i danni devastanti che nel corso della sua vita causa al suo corpo.Sono vegano da 25 anni e mi sento in pace con me stesso, non ho mai avuto problemi di salute.Grazie x quello che fate e nobile lottare x la sopravvivenza dei nostri fratelli animali avete tutto il mio sostegno, un’abbraccio di Luce .

    • Grazie Giuseppe,

      un caro abbraccio anche a te ed un Buon proseguimento nella tua missione,

      Marco
      Università Brahma Kumaris

  • Grazie infinite!purtroppo troppa gente “ignora” e, come disse qualcuno di famoso…dobbiamo preoccuparci non tanto di chi fa del male ma ancor più di chi guarda e non dice nulla!:)
    Vi propongo però di dare un informazione più precisa che si adatti alle circostanze attuali della nostra società dove anche i latticini vengono prodotti attraverso pratiche davvero sadiche sugli animali e in più tornando al discorso dell’alimentazione il veganesimo rientra in una dieta sana e genuina dato che noi non siamo neppure adatti ad assumere sostanze di questo tipo (sia perchè abbiamo già passato l’età dell’allatamento e sia perchè il latte animale se è animale non è fatto per noi!)in pù arricchito da antibiotici e quant’altro venga somministrato a queste povere bestie per renderle più produttive(che penso sia un po’ come bere latte dal seno di una madre tossica in poche parole).Questo a parte grazie infinite per la possibilità di darci una speranza in più per cercare attraverso questi mezzi di informare chi aderisce ed alimenta certi circoli di distruzione dell’ecosistema non che di inquinamento emotivo!vi contatterò presto per chiedervi collaborazione per un evento a milano sperando in una vostra partecipazione!pace e amore:)

    • Grazie Anita,

      mi fai vedere come il mondo dell’alimentazione sia molto vasto e vario, condivido quello che dici sui latticini.
      Questo voleva essere un articolo introduttivo all’alimentazione vegetariana, spero quindi in futuro
      che ne escano altri, magari più specifici, anche se in questo contesto l’analisi vuole essere
      più orientata al perché spirituale di una certa dieta,

      a presto,
      Marco
      Università Brahma Kumaris

  • Le cose da dire in merito sono molte, andiamo con ordine:
    1- è vero che probabilmente l’uomo è nato erbivoro, ma quasi subito ha cominciato a cacciare,si risale alla scoperta del fuoco, successivamente ad allevare, diventando di fatto onnivoro.
    2- non credo che la carne sia cancerogena, ma una dieta basata principalmente di carne certamente non è ottimale. Personalmente mi cibo di tutto, e cerco di farlo cercando di variare molto, cioè non assumendo lo stesso cibo per più giorni, Credo di aver imparato ad ascoltare il mio corpo, mi dice lui di cosa ho bisogno.
    3- non mi sento eticamente in colpa mangiando carne,non credo nemmeno che questo possa appesantire il mio karma. uccidere per cibarsi fa parte della natura, e poi se ci pensiamo anche le piante sono vive.
    Perchè pensare che uccidere un capo di piante di mais è più etico che pescare delle sardine?

    I filmati certo sono molto crudi, ma la responsabilita di tutto ciò, a mio avviso, è da attribuire a questa societa malata, BASATA SUL PROFITTO.Penso che la soluzione non è quella di smettere di mangiare carne , ma smettere di guadagnare sulla carne. Cambiare paradigma, smettere di credere che l’uomo è il padrone di tutto. Il denaro è il vero cancro dell’uomo.
    Non c’è necessità di allevamenti intensivi per sfamare il mondo. il pianeta offre tutto il necessario per vivere per tutti, in abbondanza anche. Ma l’uomo deve imparare il rispetto per la natura, dimenticando il profitto.
    e farlo subito! Mi auguro che il sole ci mandi una bella tempesta magnetica e faccia scoppiare ogni tipo di apperecchio elettrico comprese le centrali. Sarà certamente dura per tutti, ma non vedo soluzioni se continua così, ne per l’uomo ne per gli animali.
    Ciao. Paolo

  • Che botta mi hanno dato questi filmati !
    Onestamente parlando a me l’alimentazione vegetariana mai ha convinto .
    Anche se , re melius perpensa , vegetariano ci sto diventando perchè mi interessa essere OM SHANti . Alla fine se bisogna mangiarsi 2 verduraccie per lo scopo , nulla quaestio .
    Baci a tutti

  • Caro paolo leggendoti ho sentito l’esigenza di risponderti con molta serenità rispettando al 100% le tue scelte,…però ho ancora il difettuccio che se qualcosa mi tocca non riesco a stare zitta:
    – che l’uomo da migliaia di anni sia cacciatore non giustifica che si debba, in questo momento in cui accade ciò che si vede in questi filmati e non solo, continuare ad esserlo solo perchè è sempre stato così!! hai mai sentito parlare di evoluzione?
    – non credi che la carne sia cancerogena….peccato che tutti i più grandi esperti mondiali in materia lo dicono E PER PRIMI NON NE FANNO USO!! però sentiti sempre libero di continuare a credere ciò che vuoi se questo ti fa stare meglio almeno nell’immediato.
    – ma la cosa che più mi ha lasciata senza parole è che dici “non mi sento in colpa…” quasi sicuramente non hai mai avuto il privilegio di ammirare gli occhi di un cane, di un gatto o di un cavallo che ti ama e che ami altrimenti avresti visto e sentito in quella profondità che anche loro hanno un anima, provano paura e gioia, e siccome non esistono animali di serie A e animali di serie B credo che uccidere o anche solo continuare a mangiare( dando così ad altri la possibilità di uccidere anche per te )significhi essere sempre protagonisti di questa violenza assurda.
    Comunque ho imparato da poco che la vita è una commedia e sto sorridendo inviando delle buonissime vibrazioni a te affinchè un pò di luce possa illuminare e scaldare il tuo cuore!!
    Buone cose

  • @ Vicky:Grazie Vicky per le vibrazioni,anch’io rispetto al 100% quello che pensi , purtroppo è chiaro che divergiamo.
    – non giustifico l’uomo cacciatore perchè lo è sempre stato, piuttosto perchè è nella sua natura, come il leone, l’orso e tutti i predatori, in quanto all’evoluzione, be quella proprio non esiste. se parliamo di evoluzione spirituale l’uomo casomai si è involuto, se parliamo di quella darviniana, è una teoria sbagliata, non si è mai trovato un fossile che provasse la teoria.
    -I grandi esperti mondiali, non dicono che la carne fa male a meno che non si mangi prevalentemente carne. piuttosto dicono che la si può eliminare dalla dieta.
    – Non mi sento in colpa mangiando un panino al prosciutto, ma se mentre cammino una formica mi attraversa la strada e la vedo, la evito. non vesto di pellame. rispetto tutti gli animali anche quelli che mangio.
    – l’anima è un discorso particolare, non esistono animali di A e di B , significa che l’uomo è anch’esso un animale, solo che se ne vergogna, crede con l’intelletto di essere superiore, ma la sua anima è superiore a quella di un criceto? se si risponde si, allora esistono animali di A e di B
    Se si risponde no, significa che siamo tutti uguali, perchè quindi l’uomo dovrebbe sentirsi in colpa mangiando un’animale? Il pesce grosso mangia il piccolo, è la natura. O trovi che il pesce dovrebbe mangiare alghe.
    – Ciao Vicky, buone cose a Te.

  • Ragazzi,io penso che ognuno ha livelli di coscienza differenti.Questo significa che chi si sente di voler vivere meglio sia in salute che in spirito ha avanti a se molte strade per la propria crescita personale.Altri a questo non sono pronti evidentemente.
    Sò bene che purtroppo a farne le spese per questo sono gli innocenti ma purtroppo non possiamo obbligare le persone a non alimentare questi fattori che distruggono l’ecosistema nel quale viviamo tutti.
    Questo ancora non è possibile.
    Di sicuro quì comunque ci viene chi è pronto all’ascolto e questo mi rasserena e mi dà speranza.L’informazione è importantissima e sono sicura che chi si rende conto di dati oggettivi farà poi del suo meglio per migliorare l’approccio con il suo intorno.Grazie ancora e volevo chiederti il contatto del ragazzo di veganic!!l’ho conosciuto al corso di raja yoga ma non ho preso il suo contatto.grazie!!

  • Come dice un mio caro amico quando il mio spirito è uguale al tuo in questo momento… “preferisco rimanere in silenzio ed inviare buone vibrazioni”.. convergiamo hai ragione!! ma non è questo il luogo dove aprire un dibattito, ne potremmo parlare all’infinito ,ma meglio magari di persona,un giorno..chissa??!!In uno dei programmi della brahma kumaris sull’alimentazione mi auguro.. 😉
    buone cose

  • @ anita:
    @ Vicky:
    @ Paolo:
    Ciao a tutti, grazie per aver contribuito sostanziosamente alla discussione, è chiaro che ognuno espone il suo punto di vista,
    e siamo tutti benvenuti nel farlo.

    Volevo solamente porre l’enfasi sull’accezione spirituale di una dieta vegetariana (o vegana) le altre due motivanti, etiche e salutistiche, sebbene condivisibili, fungevano da cappello alla motivazione principale per cui dovrei smettere di cibarmi di altri esseri senzienti se desidero una liberazione, profonda ed “integrale”, da saldi karmici di un certo peso (e se desidero essere più non-violento possibile verso i miei simili).

    La natura umana (così come quella animale) è spirituale, togliendo la vita ad altri esseri senzienti per il mio fabbisogno ne dovrò pagare le conseguenze, a questo vanno poi aggiunte ed accordate le motivazioni salutistiche ed etiche,

    … comunque si, la discussione è molto ampia,

    a presto e buona giornata,
    Marco
    Università Brahma Kumaris

  • NEL NOSTRO MILLENNIO DI VITA, ABBIAMO TRASCORSO E PASSATO GUERRE, PESTILENZE, MISERIE, CARESTIE CHE CI HANNO SPINTO AD AZIONI DI PREVARICAZIONE PER LA NOSTRA SOPRAVVIVENZA, CHE HA MIO PARERE, E’ L’UNICO ELEMENTO INNATO NELL’ESSERE VIVENTE…DI TUTTE LE SPECIE, COMPRESO L’ESSERE UMANO!!!LA PAURA, L’AVIDITA’, E ALTRO ANCORA, CI HANNO FATTO PERDERE IL SENSO DEI SENSI E A TALE PROPOSITO VI RACCONTO UN FATTO VERO TRATTO DA UN PARAGRAFO DI UN NOTO DOTTORE VEGETARIANO IN QUANTO,IN MISSIONE PER STUDI SCENTIFICI PRESSO UNA TRIBU’ DI UN PAESE CHE NON RICORDO, SI ACCORGE DI UNA DONNA ANZIANA CHE ROSICCHIA GUSTOSAMENTE UN DITINO DI UN BIMBO…..IL DOTTORE, ESTEREFATTO LE DICE:…MA COME POTETE FARE QUESTO?..NON SIETE STATA ANCHE VOI BAMBINA, MAMMA E NONNA?…..LA VECCHIETTA DELLA TRIBU’ SI RIVOLGE AL DOTTORE CON UNO SGUARDO DI STUPORE E LE RISPONDE:…..LEI NON SA’ QUANTO E’ BUONO!!….IL VERO SENSO DEL GUSTO SI E’ PERSO!!! E’ ORA DI RITROVARLO!!BUON LAVORO A TUTTI!!

  • Namastè Marco, leggendo questo tuo articolo mi sono nate alcune riflessioni. A mio avviso, ormai non si tratta più di sapere se sia giusto o no mangiare carne, se sia giusto o no mangiare uova, purtroppo siamo giunti ad una condizione critica. I tre veleni da estirpare, esposti dal Buddha come cause di sofferenza, si sono profondamente radicati nella psiche umana, ma non solo, se ne è aggiunto uno ancora più tremendo: l’ossessiva avidità verso il denaro, da accumulare in ogni modo possibile. Mi ritornano a mente le parole del filosofo Tonelli:-…o si riesce a creare una nuova direzione, una “civitas illuminata”, in grado di agire in controtendenza rispetto alla crisi in atto, oppure si andrà a una vera e propria catastrofe della civiltà-. Per denaro stiamo assistendo, non solo, all’estinzione di animali, ma anche ad una devastazione dell’habitat e questo è un tarlo che si è innestato nella testa dell’uomo, ed è proprio quì che bisogna intervenire. All’insegna del motto delfico “gnothi sautòn”, bisogna sperimentare nuove esperienze sapienziali, che mirino ad una crescita interiore, nuove forme meditative che possano condurre la psiche umana fuori da quell’abisso tenebroso in cui si è cacciata. Om santi. ALFAYOGA

  • O Marco , magari le cose che tu dici sono anche vere , ma sono così scomode….. Si salvi chi può , allo stato l’alimentazione vegetariana è l’eccezione e non la regola . Alla fine dovresti vivere una vita da completo ” originale ” , bisognerebbe salire uno scalino per volta , altrimenti ti metti a mangiare gli omogeneizzati di pollo nottetempo . Con notevole esborso economico e di energia psichica.
    Oppure ti mangi la bistecca del supermercato di fronte casa, io molto spesso mangio le cotolette di soia e passa la paura……
    Baci

  • @ Francesco Di Giovanni:
    Procedi lentamente ma va avanti… conosci questo detto? Viene dal Messico pre-colombiano,

    in pratica se vediamo un barlume è bene incamminarsi, le cose si aggiustano strada facendo,

    Marco
    Università Brahma Kumaris

  • @ ivan:
    Ciao Ivan, si concordo, l’alimentazione è uno dei fattori critici del nostro tempo, il denaro (l’accumulo a scapito del benessere altrui/ambientale) come tu suggerisci è un altro grande sintomo di una fondamentale vuotezza interiore,

    a presto!

    Marco
    università Brahma Kumaris

  • Grazie. Sono vegetariano da quando avevo 17 anni (ne ho 40 adesso), essendo gia’ allora a conoscenza degli orrori che avete mostrato. Rispondendo ad alcune osservazioni, e’ vero che ogni cosa e’ viva (Buddha direbbe che esiste la buddhita’ anche in una pietra), ma e’ altrettanto vero che:

    1- dal punto di vista anatomico, l’uomo non e’ assolutamente onnivoro, ma frugivoro (e’ questo e’ dato dalla struttura suo sistema digerente).
    2- dal punto di vista etico, se proprio devo “usare” la vita, cerchero’ di farlo scegliendo il male minore, e cioe’ non sopprimendo esseri piu’ evoluti, provvisti del sistema nervoso centrale (le piante non l’hanno)
    3- se ammettiamo giustificabile sopprimere un altro essere indistintamente (il forte che sovrasta il debole), allora il cannibalismo, ma anche ogni guerra, omicidio ecc…devono essere di fatto ammessi a livello etico, in quanto esiste solo la legge del singolo.
    4- l’uomo non ha iniziato ad essere “subito cacciatore”. questo e’ avvenuto quando cambiamenti climatici (es: glaciazioni) hanno fatto diminuire i vegetali e le frutta.

    In altre parole, il fatto che in nome di una religione, di etica,di politica o quant’altro abbia spinto in passato l’uomo ad uccidere, non indica che questo sia lecito o naturale. Citando una fotomodella Svizzera, “se i cavernicoli mangiavano carne, chi ancora lo fa e’ un cavernicolo”.

    E non esiste nessuna via alla spiritualita’ che non presuppone il vegetarianesimo (persino la tradizione cattolica: Gesu’ apparteneva ad una setta che praticava il vegetarianesimo, gli Esseni).

    Ma ognuno e’ libero di fare le proprie scelte. Il tempo fara’ lo stesso il proprio corso.

  • VEGETARIANA X LA SALUTE DEL CORPO MA NON SOLO IL MIO: DEGLI ANIMALI, DELLA TERRA.. CONTRO LA FAME NEL MONDO ECC..
    MA CHE RAZZA DI BENESSERE E’ IL MIO SE NON E’ LEGATO A QUELLO DEGLI ALTRI? SE LA MIA LIBERTA’ E’ A DISCAPITO DEGLI ALTRI,CHE RAZZA DI LIBERTA’ E’?
    CIAO

  • io rispetto tutto ma non l’affermazione che vegetariano è uguale a non violento. Hitler era un vegetariano e non era certo il simbolo della non violenza.

  • @ Mauro:
    Ciao Mauro, grazie dello spunto,

    penso che Hitler era Hitler, tu sei tu,

    ciò che faccio della mia vita è un campo più grande
    della sola alimentazione, vengono implicate tante altre
    inclinazioni, tendenze, modi di fare, non trovi?

    Marco
    Università Brahma Kumaris

  • @ rosetta: Essere contro la violenza non significa chiudere gli occhi o mettere la testa nella sabbia come gli struzzi! Quei video non sono una celebrazione della violenza, ma una denuncia della medesima per insegnare alle persone ignare che mangiare carne, ma purtroppo anche uova, latte e suoi derivati, significa perpetrare ogni giorno un massacro inaudito di esseri senzienti incapaci di attestare il loro diritto a vivere. Il veganesimo è un percorso che tutti noi dovremmo sforzarci di fare, gradualmente e senza fanatismi, ma per chi è autenticamente religioso è una scelta che dovrebbe essere perseguita con maggior vigoria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi utilizzare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Copyright © Brahma Kumaris 2015. Tutti i diritti riservati