Alimentazione vegetariana, liberarsi con il Cibo

Dapprima nell’India antica e poi nella Grecia antica, l’alimentazione vegetariana era strettamente connessa all’idea di non-violenza verso gli animali, ed era promossa dai gruppi religiosi e dai filosofi. Una volta riconosciuto dall’Occidente come qualcosa di più che una semplice moda, la dieta vegetariana ha oggi guadagnato consenso in tutto il mondo come una sana alternativa alla dieta carnea.

Numerosi studi negli anni hanno dichiarato gli effetti positivi che la dieta vegetariana ha sulla salute, inoltre la meditazione viene favorita da questo approccio alimentare. Nei vegetariani, l’indice di massa corporea, i livelli di colesterolo e la pressione sanguigna tendono ad un valore moderato ed essi hanno meno complicazioni come attacchi cardiaci, ipertensione, diabete di tipo 2, malattie renali, osteoporosi e demenze cone l’Alzheimer e altri disordini.

Alimentazione vegetarianaD’altro canto, una dieta a base di carne è stata direttamente associata al rischio avanzato di cancro all’esofago, al fegato, al colon e ai polmoni. Nei vegetali, granaglie, frutta secca ed essiccata possono inoltre essere trovati i nutrienti, le proteine e gli aminoacidi necessari per il sostegno corporeo. L’alimentazione vegetariana offre livelli bassi di grassi saturi e colesterolo, ed alti livelli di carboidrati, fibre, magnesio, potassio ed antiossidanti come la vitamina C.

Ma se queste informazioni oggi sono largamente diffuse, non è tanto diffuso ciò che l’assunzione di un cibo sbagliato (in questo caso una dieta onnivora) apporta la comportamento umano, forse perchè non sono stati esguiti studi pari a quelli effettuati per gli effetti fisici della dieta vegetariana.

Nelle culture orientali la relazione coesa fra cibo e stato mentale è conosciuta da secoli. Nella Bhagavad Gita ad esempio viene classficato il cibo in 3 grossi gruppi: Satvico, ossia puro e sano (e quindi benefico e producente per la meditazione), rajasico o stimolante, tamasico ossia pesante ed impuro. I cibi puri come la frutta fresca e i vegetali apportano una calma particolare e chiarezza alla mente, e promuovono una disposizione positiva.

I cibi stimolanti inclusa la carne, le uova, le cipolle, l’aglio ed alcune spezie ci portano alla carenza di energia e a lungo andare di riposo, sviluppano troppo facilmente passioni animali ed un’emotività difficile da controllare. I cibi impuri, confezionati e lavorati e conservati troppo a lungo, appiattiscono la mente e contribuiscono allo sviluppo di problemi mentali cronici. Ad esempio quando mangiamo la carne il sistema digerente deve lavorare duramente per poter metabolizzare tale prodotto, ed in questo processo sviluppa “naturalmente” ossidanti, che producono radicali liberi, responsabili maggiori, come gli scienziati dicono, dei danni interni corporei.

Ancora il Prof. Carlo Sirtori nei suo studi ha dimostrato come il consumo di carne porta ad un eccesso di fosforo, che in essa viene trovato ad un rapporto di 50:1, innaturale per gli uomini il cui latte conserva un rapporto di fosforo-calcio pari a 1:2. Sirtori conclude che il consumo di carne conduce verso una caduta dei livelli di calcio, stimolando comportamenti aggressivi e a volte convulsioni nei bambini.

Mentre ad un esame EEG risulta che l’alimentazione vegetariana induce lo sviluppo delle onde Alpha, che indicano uno stadio di rilassamento neuro-muscolare non solo del cervello ma dell’intero corpo. Ma l’effetto della carne sul comportamento non è solo un processo bio-chimico; c’è un aspetto spirituale dietro a tutto ciò. La produzione di carne su scala globale-industriale comprende crudeltà e violenza verso gli animali, non parlando poi dell’avidità estrema da parte delle moderne industrie della carne.

Il risultato conseguente di nutrirsi di un simile cibo difficilmente può essere salubre. La legge di causa ed effetto afferma che una persona che condivide tale cibo diventa complice nella violenza che è stata generata nel produrlo. In effetti, uccidiamo una parte della nostra coscienza quando consumiamo la carne di un animale ucciso. Questo atto inconscio di soffocare la coscienza altera gradualmente lo stato mentale e ci rende pressoché insensibili e pronti ad aggredire. Quando un’ intera popolazione consuma carne su base regolare, il risultato è un collettivo incrementare del livello di violenza, è vero?

Jerome Rodale, uno dei primi promotori del biologico, nei suoi lavori “Dieta e Guerra”, collega la tendenza di una nazione verso la pace o il conflitto alle sue abitudini alimentari. E disse che l’attitudine era più “guerresca” e aggressiva in proporzione alla quantità di zuccheri, carne e simili. Egli ha notato, questo in base ai suoi studi, che in epoche passate i nomadi onnivori scatenarono guerre verso le società agricole.

Mentre in Africa o alcuni gruppi in India, in Brasile e Venezuela ad esempio continuano ancora oggi la loro alimentazione non violenta basata su di un consumo di vegetali e frutta, creali e legumi. Quando così tante persone si stanno sforzando per ottenere pace mentale, e così tanto impegno politico viene esercitato per raggiungere la pace nel Mondo, forse uno fra i più validi sforzi sarebbe scegliere qualcos’altro da mangiare.

Tutto il Meglio per la tua Realizzazione,

Università Spirituale Brahma Kumaris

A proposito dell'autore

Marco De Biagi
Marco De Biagi

Marco De Biagi vive e lavora a Milano. Coordina le attività della Brahma Kumaris in Lombardia assieme a un team e dirige con successo gli eventi online ed offline della Self Help Academy, un'accademia di auto aiuto.

15 Commenti

Lascia un commento
  • pensavo ….quando hai nominato africa brasile venezuela e india…al karma..solitamente quando ci riferiamo a questi paesi..in particolare all’africaassociamo un idea di terribili condizioni di vita..date sopratutto dalla mancanza di cibo..è lecito mi chiedo pensare ad un karma pesante per questi popoli???e se fosse lecito il fatto di essre costretti ad una dieta vegetariana..potrebbe essre un piccolo aiuto??? lo scrivo e già mi sembra un pesiero assurdo…help me

    • Ciao!

      quei popoli non sono costretti dalle condizioni economiche ad una dieta vegetariana, lo sono da secoli o millenni, prima delle grandi devastazioni socio-economiche… ma a volte essere costretti a fare qualcosa ti fa apprezzare il grado di libertà che avevi prima,
      per questo è meglio arrivarci in consapevolezza,

      a presto!
      Marco
      Università Brahma Kumaris

  • ola
    forse non mi sono spiegata bene…anzi sicuramente non mi sono espressa correttamente…ci ho pensato la domanda era o può essere:il karma è solo individuale o anche comunitario( di un popolo come l’africa ad esempio)?
    merci per la pazienza
    laura

  • Sono recentemente tornata da un lungo viaggio attraverso l’India..un’esperienza che ti cambia la vita, o meglio cambia il tuo modo di vedere e valutare le cose. E’ un’altra cultura, quasi un altro mondo. Ho conosciuto alucuni Vegetariani, persone che dedicano la propria vita alla spiritualità, ad una sana alimentazione. Ho avuto la fortuna di essere ospitata a casa loro e ho potuto vedere come si svolge la loro quotidianità. Vorrei dare una svolta alla mia vita, diventare vegetariana, amare il mio corpo e il mio io interiore..Come posso incominciare?
    Grazie!
    a presto..
    Alice

    • Ciao Alice, hai già cominciato, non trovi?!

      Questa consapevolezza è già un primo passo, adesso va semplicemente accompagnata con la conoscenza
      e la pratica, sono le due chiavi fondamentali.

      Se vuoi dei consigli scrivi direttamente a: supporto chiocciola meditazione-yoga.org

      PS: hai fatto il Corso di Meditazione, quello a distanza?

      un saluto,
      Marco
      Università Brahma Kumaris

  • sono mesi che sono passata al vegetariano sia per scelta di NON violenza verso gli animali sia per migliorare il mio percorso spirituale e sento un sacco di benefici. La mente è più limpida e il fegato lavora meglio. Namastè

    • Ciao Tiziana,

      grazie mille per il tuo contributo! Scusa se abbiamo editato il tuo commento solo ora,
      ma nei giorni scorsi non appariva nel database,

      a presto,
      Marco
      Università Brahma Kumaris

  • Ho scoperto , tramite questo articolo , di essere un grande consumatore di cibo rajasico . Ed , in effetti , non sono tanto giusto di testa !
    Quid iuris ? Ho anche bisogno di energia perchè la mattina di solito vado al galoppo . Poi ho anche degli scompensi di energia perchè col mestiere che faccio devi riuscire ad essere molto elastico mentalmente e passare in breve tempo dall’agitazione alla quiete.
    Daventi ad una corte riesco sempre , magari fingo .
    Con me stesso la faccenda è differente ed ho serie difficoltà a rendere armoniosa l’energia che ho dentro.
    Alle volte non appena chiuso lo studio legale ho paura di “rimanere secco”, poi mi domando se ci faccio o ci sono .
    Ma , in soldoni , il problema esiste e ci devo fare i conti.
    Un bacio, magico Marco

    • Ciao Francesco,

      l’alimentazione è uno dei fattori che influisce di più sul nostro benessere mentale, fisico e spirituale,
      la mattina in special modo occorrono cibi a lento rilascio energetico,

      il classico cappuccino e cornetto all’italiana, la fetta biscottata col burro per dirne un’altra o il caffè zuccherato
      sono come bombe di energia che finiscono rapidamente il loro effetto, lasciandoci più desiderosi e vuoti di prima,

      prova ad iniziare la tua giornata con cibi meno raffinati, integrale ad esempio, prova con yogurt e frutta fresca,
      puoi abbincarci della frutta secca ad esempio come mandorle o noci ed un cucchiaio di miele,
      se vuoi anche una bella fetta di pane integrale con un velo di burro (non per chi è vegano!)
      l’arancia spremuta e anche ottima,

      ma il “succo” che più i cibi sono raffinati più funzionano come un fuoco di paglia,

      a presto!
      Marco
      Università Brahma Kumaris

  • In questa mia vita il vegeterianismo per me e’ sempre stato una cosa naturale,infatti sin da piccolo il mio organismo era allergico alla carne.Per quanti, da come ho letto, dicono che per avere piu’ energia devono consumare cibo rajasico,io rispondo che per me come sportivo (ciclista)sempre nutrendomi con cibo Sattvic nel 1996 ho conquistato il titolo di campione statale del WESTERN AUSTRALIA,un ciao a tutti.Adriano.

    • Ciao Adriano,

      grazie del contributo, ci sono infatti molti sportivi di calibro mondiale ed olimpionico
      che seguono una dieta vegetariana bilanciata,

      a presto,
      Marco
      Università Brahma Kumaris

  • Sto sperimentando la dieta vegana da una settimana a seguito di aver appreso cosa cè dietro la carne: animali maltrattati, privati di tutti i diritti ed uccisi in modo molto violento.
    Anche il latte e le uova purtroppo rientrano nel ciclo della carne.
    Mi sento bene ma è difficile barcamenarmi tra questa drastica riduzione e scegliere i cibi giusti per apportare i giusti nutrienti alla mia dieta, e conservare il piacere del cibo.
    Spero di riuscirci, anche se mi riservo di decidere se mangiare ogni tanto pesce azzurro proveniente da una pesca sostenibile, o uova di allevamento biologico. Sebbene sia decisa a non mangiare più carne, non ho trovato le stesse motivazioni per il pesce, se di pesca sostenibile. Sto ancora riflettendo su ques’ambito e se sia giusto per l’uomo privarsi totalmente di alimenti animali o no. Intanto penso che se diventassi vegana, non basterebbe esserlo, dovrei anche attivarmi socialmente per promuovere almeno un consumo moderato e consapevole di cibi animali. Le persone non sanno come non sapevo io fino a poco fa..

    • Ciao Marialaura,

      grazie della condivisione, non è solo una motivazione legata
      alla sostenibilità e all’ambiente, dietro c’è il fattore salutistico
      molto importante,

      ti consiglio il volume: Mangiar sano e naturale
      di Michele Riefoli, al riguardo.

      Ma ti suggerisco anche di cominciare a focalizzarti sulla motivante
      spirituale della faccenda, aspetto sottovalutato ma molto importante,

      a presto,
      Marco
      Università Brahma Kumaris

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi utilizzare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Copyright © Brahma Kumaris 2015. Tutti i diritti riservati