Andare avanti, non importa cosa!

Questa è forse una delle frasi più belle da sentirsi dire nei momenti difficili, ma è anche uno dei consigli “più tosti” da mettere in pratica quando siamo giù.

Andare avanti infatti è connesso con quanta fiducia abbiamo in noi stessi, con quanto sappiamo essere felici, quanto in effetti abbiamo generato un rapporto d’amicizia col nostro sé che ci permette di confidare nella sorte e di vedere il beneficio di ciò che ci sta accadendo, anche se al momento la medicina è bella amara?

La Meditazione e le varie tecniche meditative sviluppate dall’uomo ci aiutano a creare un cuscinetto fatto di consapevolezza sul quale gli eventi, quelli difficili da superare, “molleggiano” un poco prima di arrivare a noi.

Ciò che può traumatizzare la nostra forza interiore e farci perdere lena sono proprio i duri colpi della sorte per i quali non eravamo preparati, ed infatti non possiamo diventare tuttologi e prepararci a qualsiasi incoveniente sul cammino,

non esisterebbe più la parola imprevisto.

Prepararsi preventivamente mi dona quella lucidità in grado di farmi agire correttamente (o in linea con determinati principi base) nei momenti di difficoltà, quando sembra che il paesaggio stia diventando sfocato e l’orizzonte svanisca…

La così detta speranza non è un palliativo a cui aggrapparsi ciecamente, ma è una fiducia costruita nel tempo. Fidarsi di qualcosa significa conoscerlo, altrimenti diventa dogma o fede cieca. Fidarsi implica un mutuo rapporto di conoscenza.

Paradossalmente, la solitudine gioca un ruolo molto importante nell’acquisire forza interiore e fiducia negli eventi. Solitudine intesa nel conoscere se stessi e donarsi, regolarmente, dei momenti, periodi in cui mi do la possibilità di focalizzare aspetti intimi di me stesso, che altrimenti rimarrebbero inesplorati per via della routine quotidiana, che è principalmente di tipo estroverso.

Posso in effetti andare avanti, propriamente, solo se mantengo un focus del mio cammino, altrimenti inciampo qua e là. Vado si avanti ma lentamente e dolorosamente, ecco perchè integrare la meditazione al nostro quotidiano, oggi come oggi non può far altro che donarci un valore aggiunto a ciò che stiamo facendo,

meditare infatti non significa privarsi della vita o distaccarsi patologicamente da tutti, bensì donarsi quel minimo di tempo di qualità giornaliero che andrà poi ad arricchire le relazioni con gli altri, ciò che sto portando avanti.. e me stesso senz’altro.

La ruota può girare velocissima perchè il mozzo è ben immobile, tenere a mente questo binomio mi aiuta a fare meno passi falsi, mi aiuta quando devo prendere delle decisioni importanti, mi aiuta quando sento che il mondo mi sta passando avanti…

forse è vero che sto per perdere il treno, ma se non so bene qual’è la mia destinazione è un po’ inutile salirci su, dove andrei? La natura stessa va in “letargo” alcuni mesi all’anno per poi sbocciare magnifica in primavera, la calma dovrebbe essere un ingrediente essenziale per le mie ricette di vita.

Essere calmi vuol dire tante cose, quando sono calmo è sicuramente più facile lasciare andare situazioni che forse mi coinvolgono più di quanto dovrebbero, non è sempre buono avere la testa in tutte le cose, essere calmo mi dona umiltà nel capire dove effettivamente devo mettere i piedi,

al giorno d’oggi vincono gli specialisti, i tuttologi hanno vita breve, e lo specialista è un ricercatore che dona tempo e dedizione alla propria ricerca, e in effetti la ricerca, qualsiasi essa sia, è ciò che ci dona l’entusiasmo di andare avanti, quando avremo trovato sarà il momento piacevole di rilassarsi ma adesso bisogna andare… non importa cosa!

Tutto il Meglio per la Tua Realizzazione,

Università Spirituale Brahma Kumaris

A proposito dell'autore

Marco De Biagi
Marco De Biagi

Marco De Biagi vive e lavora a Milano. Coordina le attività della Brahma Kumaris in Lombardia assieme a un team e dirige con successo gli eventi online ed offline della Self Help Academy, un'accademia di auto aiuto.

18 Commenti

Lascia un commento
  • Questo articolo mi è arrivato proprio in un momento in cui ho bisogno di riflettere e credere per avere forza in me stessa…grazie!

  • Grazie ancora per questo articolo illuminante.
    A volte sento il peso della vita e procedo a fatica, ma dopo che ho meditato mi sembra tutto molto più chiaro e semplice, tutto appare ad una giusta distanza: mi tornano spesso in mente le parole di una meditazione guidata, che dicono “focalizzati sulla tua anima… essa appartiene al mondo incorporeo delle anime e viene da molto lontano, più in là di questa breve vita…” Allora anche i problemi quotidiani perdono importanza.
    Solo faccio un po’ di fatica, poi, a rientrarvi, nel quotidiano.
    Ciao e grazie. Laura

  • L’articolo è stupendo perchè alla fine di tutto riflette il nostro rapporto con la nostra natura interiore che deve uniformarsi alla natura esteriore..Per esempio se vado vicino un fiume e sento scorrere l’acqua posso non sentire nulla, ma se siamo abituati a meditare, a sospendere il pensiero e il giudizio…ad avere una musica nella nostra anima, ecco allora che il rumore (suono) dell’acqua del fiume inizierà a parlarci e le sue parole saranno fonte di conoscenza..di saggezza superiore…cosi tutti gli eventi della natura..Impariamo a conoscere la natura con la meditazione e conosceremo noi stessi..Bellissima esperienza..
    Ciao Grazie di cuore per le belle parole che ci dite sulla meditazione…Gerardo

  • @ Rosita:
    Grazie ate… buona riflessione allora.. e prenditi
    il tempo necessario 🙂

    Marco
    Università Brahma Kumaris

  • @ Laura:
    Ciao Laura,

    grazie per la tua condivisione, purtroppo non viviamo tempi proprio facili,
    ma è proprio in questi momenti che riusciamo ad apprezzare aspetti altrimenti difficili da vedere.

    Continua così… vedrai che il fardello si alleggerirà,

    a presto,
    Marco
    Università Brahma Kumaris

  • @ gerardo:
    Ciao Gerardo, grazie a te per il bellissimo contributo,
    ti auguro una serena giornata… ed una buona musica,

    Marco
    Università Brahma Kumaris

  • l’articolo di cui avevo bisogno, condivido tutto ciò che c’è scritto. La fiducia è il fulcro di tutto , ed in questo momento è messo a dura prova, mi trovo in un momento difficile e queste parole sono state incoraggianti e rigeneranti. grazie di cuore .

  • Grazie Marco, ho letto con molto interesse il tuo articolo arrivato anche per me al momento piu adatto per una profonda riflessione…!!!! Geograficamente e fisicamente sono molto lontano da voi li in Italia ma non spiritualmente, basta il pensiero…. ed ecco ogni distanza annullata e sono con voi… OM SHANTI da Melbourne Giorgio

  • Grazie Marco,
    bellissimo articolo, come tutti gli altri del resto.
    Un commento, per quanto riguarda la mia piccola esperienza personale: a volte ho pensato di perdere il treno, ma in realtà non è stato così. Il treno giusto doveva ancora arrivare. Basta un po’ di calma per capire quale è la direzione da prendere. E ascoltare davvero noi stessi. Non è sempre facile, ma è possibile!

  • @ Giorgio Vipadi:
    Ciao Giorgio!… è un vero piacere sapere che sei in contatto,
    basta il pensiero è vero, e la tecnologia, usata per scopi nobili,

    a presto… magari di persona,

    shanti
    Marco
    Università Brahma Kumaris

  • @ elisabetta:
    Grazie Elisabetta,
    è una bellissima esperienza ed uno splendido contributo
    a questo blog,

    a presto,

    Marco
    Università Brahma Kumaris

  • Grazie. Mi sento stanca e qualche volta senza fiducia, ma mi rifiuto de arrendermi a una quotidianità senza luce, senza vita e nel mio piccolo, aspetto e vado avanti, non so a cosa, pero vado avanti passo a passo.

  • Nel mio piccolo ” andare avanti, non importa cosa (accade) ” significa fare cose che non amo fare .
    Oppure contenere la mia “verve” molto di più di quanto sia solito fare , contare fino a dieci e poi agire.
    Amare cose che non mi piacciono, come faccio ? Cerco di zittirmi.
    Non sempre riesco , è meglio che ve lo dica , compagni di fede .
    Ecco , una cosa che mi riesce difficile è avere fiducia , ma oggi dal giudice di pace ho avuto fiducia , infatti non mi sembrava nemmeno di essere dal giudice di pace.
    Vabbè , tirando le somme voglio andare avanti non importa cosa.
    Saluti

    • Ciao Francesco,

      si, è una buona attitudine, quella di andare avanti,
      ma significa anche, di tanto in tanto, aggiustarsi la direzione, il tiro…

      un abbraccio,

      Marco
      Università Brahma Kumaris

  • @ gerardo:
    molto interessanti i commenti, io mi sto avvicinando adesso a questo mondo. Sto leggendo alcuni libri, ma mi piacerebbe sapere da voi che già praticate la meditazione, qual’è il giusto modo di iniziare a praticare. Se vi siete uniti a qualche gruppo di persone oppure se avete fatto tutto in autonomia. Grazie mille! Alessio

    • Ciao Alessio!

      il mio consiglio è quello di iniziare a conoscere, passo dopo passo, un po’ per volta
      la meditazione,

      fare tutto in autonomia può significare sprecare tanto tempo in errori
      che persone più esperte di noi hanno già superato,

      per questo è importante, secondo me, trovare il GIUSTO gruppo
      di persone, esperte, che possa facilitarmi il percorso,

      ti mando un caro augurio per la tua crescita interiore,

      Marco
      Università Brahma Kumaris

  • @ Marco De Biagi:
    Marco, grazie mille della risposta e del consiglio… infatti leggendo libri non si ha una guida che ti indica gli errori che si stanno facendo.
    Conoscete dei gruppi in Toscana che potrei contattare? Non vorrei rivolgermi alle persone sbagliate o a chi magari si spaccia per qualcosa che non è.
    Un saluto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi utilizzare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Copyright © Brahma Kumaris 2015. Tutti i diritti riservati