Il Sentiero della Padronanza … di Sé! – II Parte


Precedentemente abbiamo esaminato il sentiero dello schiavo dove i cinque gradini sono sopratutto abitudini inconsce. Questa volta identifichiamo i cinque gradini del sentiero della padronanza dove ogni gradino è scelto coscientemente.

Nel Corso di Meditazione impariamo a sviluppare una facoltà cruciale del Sé, che viene chiamata Intelletto, è grazie a questa facoltà infatti che, una volta riattivata, possiamo dirigerci verso mète altrimenti irraggiungibili.

Il Sentiero della Padronanza

 

 1 Disidentificazione

In quanto padrone di te, non perderai mai il tuo senso di identità in nulla: nazionalità, politica, convinzioni, squadre sportive, persino la famiglia… Niente!

Il primo momento dell’attrazione è anche il primo momento dell’identificazione. Identificati con il fiore, la squadra, la bandiera e, per un momento, ti sei già perso in qualcosa che non sei!

Uno stato di padronanza significa essere vigile in ogni momento e non permettere mai di essere ‘risucchiato’ nei drammi di altri. Significa essere attraenti, ma non attratti.

Significa non identificarsi mai con nulla e nessuno eccetto che con il proprio sé. Questa scelta lo porta alla prossima particolarità.

 

2. Distacco

Il distacco ti restituisce potere. Nel momento in cui sei attaccato a qualcosa perdi forza nell’oggetto dell’attaccamento.

La prossima volta che ti trovi in una mostra d’arte, osserva le persone che studiano i dipinti. Raramente li vedrai con il naso attaccato alle tele. Distacco significa semplicemente fare un passo indietro e osservare.

Allora è possibile che il campo della coscienza si allarghi, che i significati si colgano meglio e che siano più accurati e completi.

Ma più importante di tutto è che sarai libero dalle nubi emotive che tanto facilmente oscurano la vista e distorcono la capacità di comprendere.

 

3. Discernimento

Il distacco ti permette di esercitare la capacità di discernere ciò che è giusto da ciò che è sbagliato, il vero dal falso.

Conosci la differenza tra un vero rolex e un’imitazione, tra l’acqua minerale e quella del rubinetto, tra chi sta mentendo e chi sta dicendo la verità?

In fatto di verità coloro che padroneggiano l’arte del discernimento hanno una forte connessione con la loro coscienza.

Questo è lo spazio all’interno di ognuno che distingue ciò che giusto da ciò che è sbagliato, ciò che è vero da ciò che è falso. Questa è la nostra fonte di saggezza innata da cui si farà sentire la voce dell’intuizione.

E’ impossibile udire questa voce quando mente ed intelletto sono offuscati dal brusio del desiderio e della dipendenza. Questa voce è essenziale alla formazione delle tue decisioni.

 

4. Decisione

Questa è la tua capacità di vedere e scegliere coscientemente l’azione/direzione giusta. Tra centinaia di decisioni piccole, medie e grandi da prendere ogni giorno, dove ogni decisione è come un bivio sulla strada, dove non c’è possibilità di tornare indietro perché il tempo conosce solo la direzione in avanti, dove ogni decisione può influenzare la vita di tanti altri, una decisione è veramente importante!

Se è determinata da attrazione e attaccamento, e la voce della saggezza innata è messa a tacere o viene bloccata da emozioni quali la paura o la rabbia che sempre accompagnano attaccamento e dipendenza, la vita finirà per essere una serie di svolte sbagliate e sfortunati incidenti.

Se incalzate dall’eterno orologio, avranno il colore dell’ansia continua. Una decisione fatta sull’onda della paura è una non-decisione, è panico o forzatura.

Ma se la decisione è priva di paura ed è libera da ogni forma di risentimento, chi è padrone ha a sua disposizione un’incalcolabile capacità ed energia.

 

5. Determinazione

E’ la capacità di portare a compimento una decisione. Grazie all’aver eliminato gli ostacoli energivori della dipendenza e dalla forzatura, l’energia capace di ‘far accadere le cose’ diventa disponibile.

Decisioni forti, importanti e focalizzate inevitabilmente attrarranno ostacoli e prove. Determinazione significa ‘de-terminare’ o senza termine, non porre limiti allo scorrimento in avanti.

Così si sceglie il sentiero della padronanza, con coscienza, saggezza e libertà. Per un padrone di sé, libertà non è un nome, è un verbo. Scegliere non è un compito, ma un processo continuo.

E la padronanza non è un’opzione, diventa un modo di vivere naturale.

 

Domanda: Quali sono le tre cose con cui più ti identifichi nella tua vita?

Riflessione: Perché, secondo te, tante persone trovano difficile prendere decisioni e fare delle scelte?

Azione: Scrivi la decisione che trovi più difficile da prendere. Scrivici intorno tutti i fattori che pensi stiano oscurando la tua capacità di vedere chiaramente la strada davanti a te.

 

 

Tutto il Meglio per la Tua Realizzazione

Università Spirituale Brahma Kumaris

A proposito dell'autore

Mike George

3 Commenti

Lascia un commento
  • Ho provato tante volte a non identificarmi con i miei figli, ma non riesco la loro sofferenza è la mia sofferenza la loro gioia la mia gioia. Sono spesso in ansia quando ritardano e penso sempre che sia accaduto qualcosa, la paura di non poterli più vedere di non poter più condividere con loro… la perdita, anche se provo a scacciare il pensiero è sempre li in agguato ed è terribilmente difficile per me credere che non sia accaduto nulla e che presto li rivedrò. sto provando a meditare a rilassarmi a cercare dentro di me le risposte, ma è difficilissimo sviare il pensiero negativo. So che la strada è ancora lunga ma ci voglio riuscire

  • Ciao Claudia,

    gli attaccamenti sono una delle cose più difficili da risolvere,
    sono molto profondi e molto sottili,

    specie verso le persone a noi care,

    la meditazione, lo scendere profondamente a contatto con se stessi
    ti aiuta a comprendere la natura dell’attaccamento e a liberartene
    poco a poco,

    quando vedi che stai indulgendo in pensieri come quelli che hai descritto,
    prova a sostituirli consciamente con altri pensieri positivi al riguardo,

    creati quindi prima una breve lista di pensieri (sentimenti) positivi
    che puoi ripetere quando l’ansia arriva,

    tante Benedizioni,

    Marco
    Università Brahma Kumaris

    @ claudia:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi utilizzare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Copyright © Brahma Kumaris 2015. Tutti i diritti riservati