Il Sentiero della Padronanza … di Sé!


Questo articolo, ed il prossimo che seguirà, è dedicato alla tematica del sentiero,

alla via che sentiamo di seguire e che a volte dobbiamo seguire perché non abbiamo altra scelta, a meno che non modifichiamo le nostre abitudini e visuali di vita.

Il Corso di Meditazione offerto su questo sito mira proprio a far sorgere in noi il desiderio di applicare una nuova modalità di vedere le cose, e di agire. Non tanto nuova infatti poiché ci appartiene intimamente, ma l’abbiamo messa nel dimenticatoio a lungo.

Ecco la prima parte dell’articolo: Il Sentiero dello Schiavo

 

Una delle libertà più importanti della vita umana è la libertà di scelta. Milioni di persone hanno lottato e sono morte nel corso dei secoli per il diritto di fare e di seguire le proprie scelte.

Purtroppo molte delle scelte che facciamo quotidianamente sono libertà illusorie. Le nostre scelte ci conducono lungo due sentieri: il sentiero dello Schiavo e il sentiero della Padronanza.

Il Sentiero dello Schiavo

 

1. Attenzione

La prima scelta costante e ricorrente è a chi e a che cosa diamo attenzione. Là dove indirizziamo la nostra attenzione, va la nostra energia. Milioni di persone fanno a gara per catturare la nostra attenzione per venderci qualcosa.

Tuttavia troviamo facile non assumerci la responsabilità di dove va la nostra attenzione e critichiamo il luccichio, il fascino, le distrazioni, gli slogan e le immagini che ci circondano e ci bombardano tutti i giorni.

La nostra attenzione viene catturata facilmente. Spesso è ‘in vendita’.

2. Attrazione

Inconsapevoli della trappola posta dalle immagini e dai messaggi della comunicazione moderna, l’attrazione segue l’attenzione nel momento in cui ci muoviamo verso l’oggetto della nostra stimolata curiosità e desiderio.

Il vestito nuovo, la macchina nuova, la nuova persona cominciano a tirare proprio come la gravità, che con certezza tira a terra un sasso che cade.

 

3. Attaccamento

Perciò, se ci troviamo trecento metri dopo e abbiamo svoltato l’angolo, ma stiamo ancora ‘pensando’ all’oggetto dell’attrazione, significa che siamo attaccati.

Attaccamento è una parola non molto usata nelle nostre ‘sofisticate’ società. In relazione alla nostra proprietà lo chiamiamo possesso. In relazione alle idee viene chiamato ‘copyright’. In relazione ad un’altra persona spesso viene detto amore.

Ma l’attaccamento non può mai essere amore. Attaccamento significa resistenza a lasciare andare e dove c’è resistenza c’è paura.

Quando scegliamo l’attaccamento, scegliamo la paura, e la paura si oppone all’amore.

 

4. Dipendenza

Sappiamo di essere dipendenti quando dobbiamo avere o pensare all’oggetto dell’attaccamento allo scopo di sentirci bene interiormente. Chi sceglierebbe di essere dipendente?

Pochi lo metterebbero in discussione, ma molti, se non la maggioranza, lo scelgono centinaia di volte al giorno.

Dipendenza è indulgere, consumare e ritornare alla stessa fonte di piacere con regolarità abituale, anche se è solo nella nostra testa a livello di pensieri e di emozioni. La maggior parte delle nostre dipendenze sono mentali o emotive.

 

5. Conseguenza

E’ quando paghi il prezzo per essere divenuto dipendente, proprio come un drogato o qualsiasi dipendente alla fine deve pagare con il disagio o con una caduta sempre più in basso lungo la discesa ripida della dipendenza.

Quante volte hai visto un bambino separarsi facilmente dal suo giocattolo? Pianti e urla accompagnano la separazione a suon di strattoni e abbarbicamenti.

La sofferenza è il prezzo da pagare per essersi addentrati lungo il sentiero dell’attenzione, dell’attrazione, dell’attaccamento e della dipendenza.

La sofferenza precede sempre la risalita.

 

Domanda: Quali senti che siano i tuoi tre attaccamenti più profondi?

Riflessione: Perché tutti gli attaccamenti provocano un certo ‘disagio’?

Azione: Identifica un’area piccola ma significativa della tua vita e un attaccamento relativamente piccolo all’interno di quell’area e ‘lascia andare’.

 

La prossima volta esamineremo Il Sentiero della Padronanza.

Tutto il Meglio per la Tua Realizzazione

Università SPirituale Brahma Kumaris

A proposito dell'autore

Mike George

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi utilizzare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Copyright © Brahma Kumaris 2015. Tutti i diritti riservati