Una grande paura? La solitudine …

…e sentirsi abbandonati anche.

Abbandonare qualcuno significa non volersene occupare, spesso si confonde con il rifiuto. Comunque sia non desidero o non so come occuparmi di qualcosa o qualcuno.

Sentirsi abbandonati invece è come non avere mai abbastanza “nutrimento”, c’è sempre fame di affetto e di sostegno, questo ci fa diventare vittime, ci impedisce di avere quella forza, quell’entusiamo per cui, con tale carenza dentro, ci leghiamo a situazioni e persone proprio a livello affettivo. Non è vero affetto in realtà, o meglio, l’affetto è diluito da questo costante bisogno di sentirsi sostenuti, approvati. Ciò fa si che diventiamo dipendenti. Proprio nel cercare aiuto e amore!

Quanta solitudine c’è in tutto questo… non è vero? Viene detto da una legge universale che: “siamo soli ” – (nasciamo soli, muoriamo soli).

Credo ci sia una grande differenza nel “sentirsi soli” ed “essere soli”, nel primo caso è uno stato d’animo da mendicante: mendico amicizia, attenzione, amore. E’ un elemosinare che ci arreca danno, una profonda e costante paura che non vediamo. La sentiamo, ma siamo troppo impauriti e poveri per darle ascolto. Viviamo nello stato di non sapere come accettarsi, questo ci porta sensi di colpa e più di una volta nella stessa vita!

Nell’arco di poco tempo infatti ricreiamo gli stessi errori, agiamo per gli stessi schemi che ci fanno rivivere la paura e la gabbia della solitudine. E’ una condizione che a volte ci fa rincorrere gli altri perchè non ci abbandonino e siamo disposti a pagare qualsiasi prezzo, purchè non ci facciano sentire insensati e poco importanti. Nell’ “Essere soli” invece puoi sperimentare una pienezza colma di integrità. Di silenzio. Non hai bisogno che gli altri ti completino.

E’ uno stato d’animo naturale dell’Essere in Consapevolezza, in coscienza di ciò che sei. E’ coscienza d’anima in pratica, così abbondante di linfa vitale. Spesso vogliamo togliere il buio dalla stanza senza accendere la luce! Proviamo invece ad amarci attraverso l’esperienza del bello che risiede in noi. Non è facile perché ho perso la fiducia di sentirmi bello, quasi non ci credo più.

Vai alla ricerca dell’essere solo, dimentica il sentirti solo. Non sentirai più paura, non vedrai più il buio.

Osho.

A proposito dell'autore

Marco De Biagi
Marco De Biagi

Marco De Biagi vive e lavora a Milano. Coordina le attività della Brahma Kumaris in Lombardia assieme a un team e dirige con successo gli eventi online ed offline della Self Help Academy, un’accademia di auto aiuto.

48 Commenti

Lascia un commento
  • Mentre leggevo questo post mi é subita venuta in mente la citazione di osho ” “In amore non essere un mendicante, sii un imperatore. Dà e resta semplicemente a vedere cosa accade.” E osho ha anche ragione quando dice che nell’intervallo di tempo c’é amore..a volte il silenzio é proprio amore…ti fa comprendere, intuire, percepire, capire, non soltanto star male riempiendoti di dubbi… Credo che la cosa che pesa accada quando qualcuno ci ferisce e perdiamo il nostro equilibrio interiore..e dopo averlo ristabilito e imparato ed amato a essere nuovamente soli, ci innamoriamo di un’altra persona..e se quella persona ci delude, ci “priva…come dire..” della nostro equilibrio precedentemente ritrovato con fatica.. 🙂 ho detto la mia..però chiaramente é un argomento complesso e moooooooooooolto vasto…! Comunque sia é vero, il sentirsi soli fa male, e l’essere soli é importante..d’altronde occorre essere soli anche in relazione, ovvero stare bene soli 🙂 amare la solitudine quando se ne sente il bisogno

    namasté e om shanti a tutti ^_^

  • Da qualche tempo apprezzo la solitudine, o meglio il silenzio, si tratta di un momento costruttivo, arricchente, che mi fa ritornare al centro di me stessa; da qualche tempo seguo pochissimo la tv, mi piace ascoltare parole nutrienti, ed energizzanti; da qualche tempo sono contenta quando tutti escono e rimango da sola in casa, lascio ogni attività che posso fare anche quando ci sono gli altri, e mi siedo ad ascoltare, la mia voce interiore, ed anche la Sua Voce, allora capisco che in fondo non sono mai sola ma che in alcuni momenti ho bisogno di COMPAGNIA speciale.Un carissimo saluto a tutti.

  • Namastè Anime in Cammino

    Nel nostro cuore spirituale c’è la miglior compagnia che possiamo desiderare,realizzare ciò cancella la solitudine.

    Non sono mai solo .

    Essere coscienti che Dio,l’Anima Suprema,la Luce nella Luce è nel nostro cuore ,è il nostro cuore e prendervi rifugio ed affidarsi incondizionatamente cancella ogni paura.
    Esprimere cosa ne deriva in poche parole,chiare comprensibili è come confinare l’Infinito nel proprio cuore,impossibile.
    Noi esistiamo in Dio e nulla e può esistere al di fuori di Dio.

    OM Shanti
    Mario

  • non c’è cosa che io apprezzi di più che trovare il mio spazio di silenzio per poter guardare dentro di me ,ascoltare ciò che mi dice il cuore e dialogare con Dio. che meraviglia il silenzio, vorrei che tutti trovassero questi attimi di silenzio che sono pura felicità

  • Namastè Anime in Cammino

    Nulla avviene per caso.
    Ieri proseguendo le letture che ho in corso dopo poche righe ho trovato questa frase:

    ”Un solo momento di compagnia con il Sacro crea una nave per attraversare l’oceano della vita”.

    Proseguiva invitando ad evitare le cattive compagnie perché risvegliavano samskàra negativi e nel con tempo elogiava le buone per la stessa azione ma con quelli positivi che sono latenti in noi scrivendo:

    ”Non c’è niente di più sacro al mondo che avere una buona compagnia perché le buone impressioni(samskàra) tenderanno ad arrivare in superficie”.

    Grazie Anima in Cammino per la buona compagnia che offri.

    OM Shanti
    Mario

  • @Daya
    Le delusioni sono figlie delle aspettative.
    In Amore è un po’ come cercare la tessera di un puzzle bisogna essere attenti e pazienti e non intestardirsi su di essa ma andare avanti, costituire l’immagine generale e poi come per magia te la trovi tra le mani quando non la cercavi più.

    Pazienza!!

    Nel frattempo chissà… i peluche sono morbidi,non deludono,ci sono anche quelli che si riscaldano nel microonde e se si impolverano un giro in lavatrice e sono come nuovi! 🙂 🙂 🙂 OM Shanti
    Mario

  • L’essere umano HA BISOGNO DI RELAZIONI. Tant’è che sentiamo il bisogno di gridare agli altri anche il nostro piacere della solitudine (è un ossimoro). Mai quindi perdere occasioni per coltivarle, perchè senza ci si ammala. Tutt’altra cosa è invece il senso di vuoto interiore all’origine di molte solitudini così diffuse oggi. Questo sì che può essere curato con la meditazione (oltre che in diversi altri modi). Cercando cioè di riprendere contatto con la nostra interiorità più profonda, dove abbiamo seppellito il piccolo tesoro racchiuso nella nostra storia e in quella delle generazioni che ci hanno preceduto. Quel nucleo che ci fa sentire “centrati” e “in contatto” con tutto il resto (c’è chi ha bisogno di chiamarlo “Dio” chi “la Sua voce”… ma siamo NOI nel senso più profondo).

  • …l’abbandono di quando muore il tuo compagno di una vita è come se ti strappassero dal petto il cuore..e non è sentirsi soli…è essere soli..si perde la fiducia nel futuro e non è facile, niente è facile..sto provando la meditazione..di guardare dentro me stessa ma il dolore è devastante e soffoca qualsiasi proposito di percorrere la strada del cambiamento…

  • Ciao care Anime in Cammino!!!
    Grazie davvero grazie di cio’ che Siete…:-)

    La paura di sbagliare,della malattia,della sofferenza,del giudizio,della crisi ,…della morte,di non essere amati…
    Aiuto quante paure!!!!!
    …. la lista è lunga e tanti di noi pagano qualsiasi prezzo, anche la dignita’ ,nell’ illusione di non sentire piu’ queste paure…
    Che consigli dare per aiutare ?….
    Forse piu’ vivo la verita’ meno è la paura?
    Ma a volte abbiamo paura anche della verita?…
    Spesso la paura è il risultato delle nostre esperienze, che… diventano zavorre pesanti e le portiamo dentro di noi..

    Si,si,si,si,si, la meditazione, le buone letture, le giuste compagnie sono un fantastico bagaglio, aiutano ad eliminare questi pesi ci fanno sentire piu’ leggeri!!

    Ancora GRAZIE

    OM Shanti
    Fulvia

  • @ alea:
    OM Shanti Alea
    Forse non è un abbandono ,forse è un arrivederci,,,
    Il dolore a volte è devastante prende il sopravento su tutto…
    I tuoi pensieri e cio’ che senti sono preziosi, non lasciare che vengano schiacciati…
    Essere soli è pienezza, non aver paura della solitudine…
    Noi ci siamo e saremo per te di aiuto….ne sono certa :-))
    Un abbraccio di cuore

    Fulvia

  • @caterina…vero!! 🙂

    @alea
    hai ragione, é comprensibile il tuo senso di solitudine e dolore; è forte.. tutto va..ma tutto in fondo resta nel cuore…!!
    @fulvia sì… io ho sempre amato la verità, anche la più cruda.. forse esiste anche la paura di non sapere quella verità…:) quando fondamentalmente il mondo esterno, specie quando alcune persone te la negano..ma pian piano si superano tutte le paure no? E questo crea una grande forza.
    Grazie a tutti di esserci

    Om shanti

  • OM SCHANTI

    UN GIORNO LA PAURA BUSSO’ ALLA PORTA, IL CORAGGIO SI ALZO’ E ANDO’ AD APRIRE E VIDE CHE NON C’ERA NESSUNO.-

    (M.L. KING)

  • Namastè

    Nel mezzo di una tempesta la cosa più importante è sopravvivere.
    Quelle nuvole nere che ci sovrastano si scioglieranno i venti ,la pioggia ,le onde cesseranno e noi rivedremo il sole che non ha mai smesso di splendere.
    Sopravvivere,vivere , la funzione principale perché ciò avvenga è respirare.
    Tanto banale da sfuggirci,respirare in modo fluido senza trattenere concentrandosi su di esso calma la mente e la tempesta che stiamo vivendo,non cambia la realtà ma la nostra percezione di essa.

    Coraggio Alea,respira,non è il momento di indagare ma di uscire dalla tempesta.

    Non può esserci vita senza dolore ma ci può essere vita senza sofferenza.
    Un buon modo di impiegare i momenti di bonaccia,imparare a non soffrire.

    Con Amore
    Mario

  • Le vs parole sono di vero conforto le rileggo più volte! So che ce la farò anche se la strada è in salita. Mi manca l’affetto che in questo momento è la cosa più importante. Grazie. A tutti di cuore.

  • Mi ponevo sempre la domanda come faro’con questa immensa solitudine? ero un pò spaventata, ma per caso ho trovato il vs. sito , ed ecco che siè aperta un’altra prospettima. Ho imparato l’immensa ricchezza nell’essere soli. La pienezza del cuore. vi ringrazio

  • Un buon argomento questo della solitudine, o meglio del sentirsi soli. Forse anticamente non esisteva la paura del sentirsi soli, in quanto le credenze erano diverse da quelle utilizzate nell’epoca moderna. Oggi vige la cultura dell’avere e del fare, sottovalutando la cultura dell’essere. Credo che il compito di chi si coltiva nel cammino della Spiritualità, sia propria imparare a stare soli e non sentirsi soli, Da una condizione del genere dove si coltiva l’essere, tutto il resto diventa un dono che si riceve nell’atto di essere vivi. Svegliarsi al mattino e dire grazie, i raggi del sole sono un dono, il cibo è un dono, il sorriso e lo sguardo degli altri sono doni che accompagnano la propria esistenza nel flusso della vita stessa. Grazie per avermi ispirato questa riflessione.

  • Preghiera del silenzio

    Siediti ai bordi dell’aurora,
    per te si leverà il sole.
    Siediti ai bordi della notte,
    per te scintilleranno le stelle.
    Siediti ai bordi del torrente,
    per te canterà l’usignolo.
    Siediti ai bordi del silenzio,
    Dio ti parlerà.

    Swami Vivekananda

    Namasté e om shanti a tutti ^________^

  • scusate , ieri sera mi sn persa il collegamento , e’ possibile sentire
    la registrazione ? Se’ si’ come fare ?

    Grazie mille.
    Teresa

  • ..scusate ma un libro a proposito c’è? ..pernonalmente non credevo di affrontare il problema, ma, pensare ad un futuro senza condivisione della vita con un’altra persona mi sèpaventa un pò. Per il resto l’unica mancanza che mi fa “sentire freddo” è la perdita dei genitori

  • Om Shanti

    sono d’accordo con tutti voi e a fine mese riuscirò finalmente a provare cosa significa veramente la solitudine in un viaggio che mi porta in Spagna lungo un cammino noto , e sommerò fatica e introspezione nello stesso tempo . A volte il difficile sta nel fare certe scelte pur avendo a casa chi ti vuole bene . Sarà un cammino ricco molto ricco ed è questo che dobbiamo cercare.

    Om Shanti
    Luca

    Om Shanti

  • @Luca

    Appena ho letto il tuo post mi è tornata in mente la canzone di Jannacci vengo anch’io ma già sentivo il coro della mia famiglia e tu compreso(non saresti più solo) no tu no!
    Azzardo un’iniziativa…potresti però descriverci il tuo pellegrinaggio,non tanto lo stato delle vesciche ai piedi ma che cosa si muove oltre il corpo in nel tuo cammino,un commento al giorno,se la tecnologia ti segue e Anima in Cammino permette.

    Sin da ora buon viaggio e comunque grazie mi hai ricordato che non sono proprio del tutto esente dall’invidia.

    OM Shanti
    Mario

  • @ Robur:
    Non so’ indicarti un libro specifico sull’argomento solitudine-abbandono….
    Ma un libro molto bello che consiglio a tutti è di Paulo Coelho:il cammino di santiago…e parla di “essere soli” senza sentirsi soli…
    Il distacco è una grande virtu’ ci aiuta a soffrire meno ….
    OM Shanti
    Fulvia

  • @ Luca:
    “Sarà un cammino ricco molto ricco ed è questo che dobbiamo cercare.”
    Fantastico Luca!!!
    Il tuo Cammino,la tua ricerca,… sara stupendo.
    Il fatto di averci reso partecipi…Ti sono davvero grata!
    Si sarebbe bellissimo se tu ci portassi con te dandoci ogni tanto tue notizie…Sarebbe per noi un po’ come “camminare” con te!

    “Comunque, se mi sforzassi come in altre occasioni,forse un giorno arriverei a capire che le persone giungono sempre al momento giusto nei luoghi dove sono attese” Paulo Coelho

    OM Shanti
    Fulvia

  • Credo profondamente nel Silenzio, fondamenta dell’essere.
    la Comprensione esige silenzio ed è un privilegio assoluto in un mondo ormai nel caos più totale.
    Un rifugio, un riparo dal tumulto, è il linguaggio dell’anima e ci risveglia ciò che siamo.
    Grazie 🙂

  • Ciò che solleva dal sentirsi soli e ciò che fa apprezzare l’essere soli con se stessi, è la consapevolezza che entrambi possono cessare quando lo si desideri. La possibilità di scelta è ciò che davvero è imprescindibile. Quando non si può scegliere e tutto è imposto (dalla vita, intendo) allora il lavoro diventa davvero complicato, non si vede la luce. Grazie a tutti per la possibilità

  • Ciao Anime divine!!!
    Creare la propria vita è creare una magia…
    Spesso la paura della solitudine non ci fa essere liberi,l’energia per difendere la paura dell’sentirsi abbandonati ci fa espandere solo verso l’esterno…
    Scoprire cio’ che di divino c’è in noi è a volte un processo lungo ….
    Poi come l’acqua che scorre arriva in ogni cellula del nostro essere,inzia a muoversi internamente e la coscienza diventa consapevolezza!!!
    Che ne dite??

    OM Shanti
    Fulvia
    Ps: vi ricordo la videoconferenza con Radha domani 19.45 🙂

  • Ti rispondo che è…
    Meraviglioso!!

    Vivekananda descrive l’evoluzione spirituale come il cammino su un sentiero a spirale elicoidale comune a tutti,avremo chi ci segue e chi ci precede ed invita a non guardare con sufficienza i primi e con invidia i secondi perché eravamo come loro e saremo come gli altri è solo questione di tempo e impegno.

    Qualsiasi tempo sia necessario non importa un passo dopo l’altro giungeremo tutti alla meta,un’esistenza rispetto l’eternità è meno di un granello di sabbia nel deserto del sahara.
    Quanti ne serviranno per realizzarci a pieno?
    Chissà ma sarà sempre un tempo breve rispetto quello che ci resta.

    Praticare,praticare,praticare senza aspettative e come fiori che sbocciano inaspettati avvengono le realizaioni.

    E’ veramente meraviglioso!
    Posso solo essere grato a Dio per avermi fatto incontrare il maestro che mi ha risvegliato.

    OM Shanti
    Mario

  • ò@ Fulvia Spirito:

    Step by step….
    credo sia stupendo!!
    La paura della solitudine porta all’attaccamento e di conseguenza alla sofferenza…abbandonando questo stato d’animo “velenoso” confidiamo invece nella fiducia, nostra e di chi ci sta affianco, viviamo l’attimo in toto e ci lasciamo trasportare dalla magia dell’esistenza…! Om shanti a tutti e buonanotte 🙂

    a staseraaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

  • buongiorno anime…
    non avendo seguito la lezione di ieri (purtroppo :((( ) volevo sapere se qualche utente tra i presenti ha registrato qualcosa, visto che ho saputo che purtroppo la registrazione non é stata effettuata..
    confido in qualcuno…

    om shanti ^_^

  • Spigolando qua e là mi è venuto tra le mani.

    Un giorno un ragazzo chiese al vecchio saggio del paese…quale fosse la cosa più forte.
    Il saggio dopo qualche minuto gli rispose:
    Le cose più forti al mondo sono nove:
    “Il ferro è più forte, ma il fuoco lo fonde.
    Il fuoco è forte, ma l’acqua lo spegne.
    L’acqua è forte ma nelle nuvole evapora.
    Le nuvole sono forti ma il vento le disperde.
    Il vento è pure esso forte ma la montagna lo ferma.
    La montagna è forte, ma l’uomo la conquista.
    L’uomo è forte ma purtroppo la morte lo vince”.
    “Allora è la morte la più forte!”
    – lo interruppe il ragazzo –
    “No” – continuò il vecchio saggio –
    “l’amore… sopravvive alla morte!”
    (Anonimo)

  • Grazie Mario e Grazie a tutti voi!!!
    Vi ricordo domani ore 19.45 videoconferenza con Carlos e Marina
    Tanta tanta meditazione….
    Il 13 maggio con Marco,tema: Il Coraggio per affrontare le paure di tutti i giorni!!
    OM Shanti Anime in Cammino
    a domani
    fulvia

  • ciao fulvia,grazie a te!! Mi stavo chiedendo proprio adesso…. a riguardo della conferenza di domani quale sarà la password? Non mi è arrivata l’email…
    Om shanti ^___________^

  • ciao anime, sto attraversando un momento difficile. Non tollero il concetto di abbandono. E’ una morte interiore per me, paragonabile alla morte vera e propria. Sono la prima a dare consigli e ora mi ritrovo in questo stato…mi fa paura dover accettare le cose che cambiano; mi fa paura sapere che se amo perdo sempre qualcuno, mi fa paura l’amore che svanisce nel vuoto e ti lascia solamente desolazione e solitudine…Sentirsi rifiutati dalla persona che si ama é la peggiore delle malattie…. dicono che l’amore porti felicità, ma allora tutto l’amore che proviamo e che provoca sofferenza al rifiuto dell’altro?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi utilizzare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Copyright © Brahma Kumaris 2015. Tutti i diritti riservati