Mantenere il Coraggio nei Momenti Difficili

OVVERO:

“Il coraggio di affrontare piccole e grandi paure…tutti i giorni!”

Siamo così abituati, anche a causa dell’educazione ricevuta fin da bambini, a rimanere il più possibile in una situazione di comfort, di tranquillità, che spesso non ci rendiamo conto che tutto questo ci riduce a vivere una percentuale molto bassa della nostra splendida vita.

Non esporci, restare al sicuro, non correre rischi. Sono consigli che sin da piccoli ci vengono dati e che noi da bravi, seguiamo per una vita intera. Lo facciamo appunto perché è una dimensione che conosciamo, rispetto all’ignoto di dover fronteggiare una situazione ed esporci per un cambiamento.

A nostra volta poi, lo insegniamo ai nostri figli senza pensare che questa modalità spegne gli entusiasmi ed appiattisce o, peggio ancora, crea insicurezze, crea bisogni e dipendenze. E ciononostante, continuiamo ad essere convinti che la cosa più giusta sia quella più sicura che abbiamo già sottomano, più stabile e comprensibile.

Ci vuole coraggio per affrontare un fallimento, un divorzio, un rifiuto, la perdita di lavoro, l’umiliazione, il giudizio altrui. Quanta sofferenza può recarci un figlio che si manca di rispetto facendosi del male. Quanta cattiveria a volte può sbottare dalle relazioni! Ma quando capitano queste situazioni ecco che perdiamo la terra da sotto i piedi e il doverci mettere in discussione, quanto smarrimento ci porta!? Come poter trovare il giusto coraggio per affrontare questi problemi?

E’ possibile vivere una vita intensa, una vita piena di gioia e significato senza il coraggio? Beh… Siamo noi che guidiamo l’auto e quindi possiamo scegliere di condurla sul terreno che desideriamo, ma se pecchiamo di certe qualità, il nostro tragitto o sarà noioso o pieno di rinunce dettate dalla paura.

Citando Buddha: “L’unico fallimento nella vita è non agire in coerenza con i propri valori“. Dunque possiamo vivere da vincitori solo assecondando la nostra natura autentica, aderendo quindi ad una vita sincera e cosciente. Il coraggio, dunque, appartiene alla vita. Più grande è il coraggio, più ricca è la vita! E’ ora di cominciare a pensare che è meglio fallire cento volte piuttosto che il non provare, il non esporsi, il non avere il coraggio di affrontare ciò che la vita ci può presentare!

Il coraggio NON è l’assenza di paura, ma la consapevolezza che nella vita c’è qualcosa di più importante della paura.

Ambrose Redmoon

A proposito dell'autore

Marco De Biagi
Marco De Biagi

Marco De Biagi vive e lavora a Milano. Coordina le attività della Brahma Kumaris in Lombardia assieme a un team e dirige con successo gli eventi online ed offline della Self Help Academy, un’accademia di auto aiuto.

34 Commenti

Lascia un commento
  • La vita è una sfida e un dono di Dio. Valutare con calma la situazione in cui siamo, chiedere l’aiuto di Dio e agire con coraggio.Quando siamo nel Dharma, comunque vadano le cose saremo sempre vincitori dice Krishna ad Arjuna,nel dialogo della Ghita. Se cadiamo in battaglia,avremo accesso ai mondi superiori,se vinciamo la battaglia,avremo onore e prestigio.
    Quindi torniamo ad essere guerrieri di Luce per eredità Divina.

  • E’ una vita che combatto prove abbastanza forti e credetemi non sempre e’ facile . Nel buio piu’ totale mi sono sempre aggrappata a quel minuscolo , piccolo punto di luce che vedevo lontano ci credevo lo seguivo, ed eccomi sono ancora qua’.

  • Credo che, a volte, sia più difficile mantenere il coraggio e l’energia per andare oltre la quotidianità nei “momenti facili” ossia quando va tutto stancamente bene.

  • Namastè

    Nell’articolo e nei precedenti commenti compare più volte la parola affrontare e poi fronteggiare,lottare,sfida,mi permetto per la prima di pubblicare la definizione che ne dà il vocabolario

    affrontare v. tr. [lat. *affrontare, der. di frons frontis «fronte»] (io affrónto, ecc.).

    a. Assalire, andare decisamente incontro a qualcuno, di solito con intenzione ostile: a. il nemico; lo affrontarono sulla strada; fu affrontato e ucciso; anche senza idea di ostilità: affrontai Giorgio e lo informai d’ogni cosa. Rifl. reciproco, mettersi di fronte, scontrarsi, azzuffarsi: gli eserciti si affrontarono nella pianura; i due avversarî si affrontarono sulla pubblica piazza; ant., trovarsi di fronte, imbattersi l’uno nell’altro: alla pila dell’acqua benedetta s’affrontarono insieme (Caro).

    b. Esporsi deliberatamente a qualche cosa: a. la morte; a. pericoli, rischi, patimenti; a. il biasimo, il pubblico disprezzo.

    E’ una parola che evito sempre di più.
    Preferisco il commento inserito da Elena in Karma pensiero unificante:

    “Mai combattere
    Non vale la pena di lottare per nulla.

    La saggezza non combatte, aspetta pazientemente, parla in modo positivo, lascia andare facilmente, vede beneficio in tutto e immagina un futuro di abbondanza … sapendo che tutte le esigenze saranno soddisfatte al momento giusto, nel modo giusto.

    Se pensate che la vita è una lotta allora lotterete sempre.

    Se pensate che la vita è un gioco da ragazzi, i vostri atteggiamenti e le azioni potranno trasmettere leggerezza e facilità.

    Ed è quello che attira tutto il necessario, e molto di più.

    Trasforma l’oggi in una brezza di aria fresca non in una battaglia.”

    Vivere così è da veri coraggiosi,lasciar scorrere la vita,accettare il proprio Karma non avere nemici,perché gli altri siamo noi.

    Siamo Anima ed è la nostra forza il nostro coraggio per sopportare ciò che può derivare da vivere in questo modo quando i più hanno sempre le armi sguainate e le usano.

    OM Shanti ,IO sono Pace è l’opposto di affrontare. Esserlo sempre richiede molto coraggio che va veramente al di là della paura.

    OM Shanti! Per quanto ne sono capace.

    Mario

  • Sono d’accordo con Mario nell’affrontare e nel combattere c’e’ ostilità e richiede sempre un atteggiamento lontano dalla Pace dalla conciliazione. Bisogna avere il coraggio di vivere le situazioni piuttosto che rinunciarvi per la paura di soffrire.
    GRAZIE a tutti. OM SHANTI.

  • Grazie a tutti come sempre mi inchino a voi Anime in Cammino!
    Namastè!!!
    Si io sono Pace ,Luce, io sono un Anima Immortale….Questo è su tutti il grande coraggio di Essere quello che si E’ e celebrare la vita per questo tutti i giorni…:-))
    L’intento nel riportare le parore “affrontare e combattere” è per tirarci fuori dalla “zona di confort”,per cercare di trovare con grinta ed energia la forza di vivere in maniera sincera,onesta cio’ che noi siamo..
    La paura di non essere all’altezza il piu’ delle volte ci blocca e ci fa accettare vite intere noiose e sofferenti.
    Quanti malanni ci inventiamo pur di attirare su di noi l’attenzione altrui
    e quante incertezze portiamo avanti pur di non esporci..
    Tante volte cadere è il vero coraggio !!!!

    Non dire a Dio “Ho un grande problema”,
    Di al problema “Ho un Grande Dio”
    —Mooji—

    OM Shanti
    fulvia

  • Buon Giorno a tutti,
    ho letto con attenzione le vostre parole e ho ricordato per un attimo la terribile sensazione di devastazione in cui mi sono trovata quando ho vissuto un accadimento molto importante…non molto tempo fa. Si trattava e si tratta di mia figlia e quando è emerso mi sono sentita uno tsunami precipitarmi addosso, una sensazione terribile, come annientata in ogni mio spazio, soprattutto nel cuore e nell’anima…un vero e proprio trauma. ho cercato aiuto, mi sono messa a nudo, mi sono messa in dubbio come genitore. Attraversando il dolore, giorno dopo giorno, sono passata attraverso l’accettazione, la con-prensione delle mie rigidità, l’imprevedibilità degli eventiche nonpotevo e non posso cambiare. Oggi, a qualche anno di distanza,mi sento un’anima migliore, allegggerita un pò di più dai condizinamenti della personalità e dell’educazione che ho ricevuto e soprattutto mi sento un nuovo genitore: con meno certezze, più vulnerabile, ma molto più autentico. Vi ho raccontato questo perchè sento che quando si soffre per un accadimento imprevisto, che ci coinvolge così tanto da farci perdere il “lume” della via, è molto importante avere gli strumenti giusti per iniziare a reagire. Forse iniziando a considerare proprio questi; il primo dei quali, a mio avviso, resta l’accettazione. Accettare quello che ci è accaduto, non opporre energie di resistenza anche se la prima reazione iniziale spesso è il rifiuto. Cercare per quanto difficle di accogliere ciò che è arrivato, nostro malgrado,e già in questa fase si aprono nuovi scenari dentro di noi, nuove possibilità…..grazie dell’attenzione Silvia F.

  • Mi fa piacere Alea che tu sia concorde ma ancor di più vedere il tuo nome scritto con la “maiuscola” e percepire un netto miglioramento dal primo toccante commento in “Una grande paura?…”.

    OM Shanti
    Mario

  • L’intera esistenza è piena di gioia basta aprire il cuore a se’ stessi…
    Un grande dolore,una imprevedibile delusione, a volte ci allontanano dalle rigidita’,ci portano al profondo cambiamento…L’accettazione penso, sia la base per imparare ad avere una dimensione consapevole, ed essere migliori ascoltando il battito del nostro cuore…
    Grazie Silvia! Grazie davvero di aver scritto…

    OM Shanti
    Fulvia

  • Care Anime vorrei ricordarvi che se non siete iscritte ad “Anima in Cammino” non sempre vi arrivano per mail i promemoria,gli avvisi,o le password per le videoconferenze… e tutto cio’ che vi puo’ interessare…
    Grazie!!!
    A dopo per chi sara’ online con i “poteri” e Antonella
    Fulvia

  • @Fulvia

    Namastè
    L’intento con cui hai utilizzato “affrontare,
    combattere”era ed è chiaro . Riflette ed il desiderio di cambiamento ci accomuna che ci spinge a volte ad”affrontare e combattere” quelle parti di noi stessi che riteniamo inadeguate,quando ci basterebbe liberarcene con l’indifferenza ad esse,spostando l’attenzione sul meglio di noi.
    Se le “affrontiamo ,le combattiamo” creiamo un nemico a cui ci leghiamo ed otteniamo l’effetto opposto.
    L’energia va dove il pensiero la indirizza e lo crea.

    Con gratitudine per l’impegno profuso.
    OM Shanti

    Mario

  • Mi sento di dirti Mario, per quanto mi riguarda, che prima dell’evento a cui accennavo, non sentivo il bisogno di confrontarmi con quelle parti di me, se non mi fossero apparse come “limite” nell’accogliere quell’accadimento che mi stava travolgendo. Proprio per questo da un pò di tempo, grazie a questa e ad altre esperienze, sono sempre più convinta che siano proprio gli accadimenti ad indurci a confrontarci con le nostre ombre, se desideriamo affrontarle e andare oltre, avanti….al prossimo evento…lavorando piano piano sui molti strati che avvolgono e limitano l’espressione della mia anima. Almeno questa è la mia esperienza. Talvolta ci è difficile accorgerci delle nostre parti su cui sarebbe utile apportare cambiamenti, se non sono proprio gli eventi a porcele davanti. Tu mi dai un nuovo motivo di riflessione sulla possibilità di liberarci delle nostre parti inadeguate attraverso l’indifferenza, spostando l’attenzione sul meglio di me…..IL MEGLIO DI ME….interessante, molto interessante…Proverò…. grazie Silvia F.

  • Namastè Silvia.

    E’ vero “l’evento” ti ha posto di fronte a dei limiti ma li hai superati grazie all’Amore per tua figlia la parte positiva che ha aperto le porte all’accettazione,alla comprensione,alla ricostruzione dopo lo tsunami,hai gradualmente messo da parte l’evento scatenate e hai aperto all’Amore nella forma più alta che permette di accettare gli altri come sono.
    Hai già agito lasciando da parte il non positivo per concentrarti sul meglio.
    Niente di nuovo.

    I figli sono la nostra salvezza,l’amore che abbiamo per loro ci spinge a muoverci aiutando loro aiutiamo noi stessi.

    Cristo ha detto “Ama il tuo prossimo come te stesso” e chi è più prossimo di chi abbiamo generato.

    OM Shanti
    Mario

  • Un saluto caro a tutti.
    Non è facile cambiare la propria vita…
    Avvolte non si cambia per non snaturare quel delicato equilibrio che si è creato per un vivere accettabile….
    Come si può esternare totalmente il proprio modo d’essere se si rischia poi di perdere tutto e ritrovarsi nuovamente in una fase di partenza ….?

    Om Shanti. Fabio

  • Il mezzo con cui comunichiamo a volte nostro malgrado è necessario riavviarlo perché si è bloccato su una pagina perdendo una parte del lavoro già fatto,ma non sarebbe utile a nessuno bloccato lì.

    OM Shanti
    Mario

  • Namaste’ Anime in Cammino!!!

    Ogni tanto facciamoci la domanda : Come sto?
    Il modo in cui percepiamo le cose gli eventi puo’ fare la vera differenza…
    Che ne dite?
    Gli ostacoli le difficolta ci sono sempre e sono la’ fuori, possiamo cambiare questi prodotti della nostra mente e percepirli serenamente,o comunque in maniera piu’ leggera…..
    Questo è un giusto modo di cambiare??

    “Sostanzialmente ,tutte le emozioni sono variazioni di un unica emozione primordiale indifferenziata che ha origine nella perdita di consapevolezza di cio’ che siete al di la del nome e della forma”. E.Tolle

    OM Shanti OM
    Vi ricordo la videoconferenza domani ore 19.45
    Ricordate anche per chi non lo ha fatto di iscriversi ad “Anima in cammino”
    per avere sempre tutte le notizie!!
    Grazie di Cuore
    a domani
    Fulvia

  • Namastè
    Ieri sera durante la teleconferenza è sfuggito a Fulvia che un’Anima ha scritto:

    “Ho perso mia figlia di 39 anni da 80 giorni sono disperata. Dove trovo il coraggio?”

    Il coraggio è nella verità.

    I figli li abbiamo generati cresciuti amati ma non sono nostri sono Anime che si affiancano a noi per poter crescere spiritualmente e permetterci a nostra volta di crescere. Non nascono non muoiono,il loro corpo nasce e muore ma il rapporto fra genitore e figlio è quanto mai fra anime,
    eterne infinite.
    L’Amore che è intercorso è eterno incorruttibile va oltre la morte,la sconfigge.

    Ti invito a guardare ai 39 anni che ha potuto vivere in sua compagnia come un dono, a quanto ti ha arricchito,a quanto hai imparato da lei e non a ciò hai perso ,perché non è perso è scritto in Te in modo indelebile.

    Con molta presunzione affermo che “questa è verità”,accettando ciò si trova il coraggio di proseguire.

    Con Amore
    Mario

  • Una chiosa a ieri sera:

    Io sono Verità conosco e non combatto
    Io sono Amore accetto e non combatto
    Io sono Pace e non combatto
    Io sono Anima e non combatto.

    io sono uomo e ……

    OM Shanti
    Mario

  • Buon pomeriggio Anime Luminose!

    La verita’è una esperienza non solo un pensiero…
    Il coraggio è nella verita’. Verissimo!
    Mario grazie del tuo supporto e aiuto per tutti…

    Credo che solo l’esperienza di “incontro”in questa vita, da figli o genitori puo’ far capire la sofferenza o la gioia che possiamo trasmetterci…
    Difficile pero’… ..che questo non sia un “legame” ma una serena “relazione”…
    E’ un grande lavoro quotidiano di introspezione nel silenzio del proprio Se…….

    Anche per me è una grande gioia essere con voi in questo Cammino
    Grazie!!
    OM Shanti Om
    Fulvia

    Prossimo tema per giugno ” genitori….figli” :-))
    Che ne dite????
    Puo’ andare bene??:-)))

  • Ciao Fulvia ,il mio percorso di vita e’ stato molto faticoso, l’ho sempre accettato, dolore per la perdita di un figlio, fallimento, separzione, poi nell’ultimo anno un altro tsunami con mia figlia,alla fine il cambiamento c’e’ stato , molto bello ,tra noi adesso c’e’ molta armonia, complicita’ e rispetto.Quando mi succedevano queste cose , mi sono sempre chiesta il perche’. Ora ho capito dovevo arrivare ad un cambiamento di grande profondita e spiritualita’, ed ora anche l’incontro con voi. Grazie

  • Ciao Fulvia, durante l’ultimo incontro online, hai detto che eventualmente a Roma si poteva trovare un passaggio in macchina per casa sangam, io arriverò il 30 Mattino a Roma fiumicino , poi potrò arrivare a Roma Termini, col trenino, se a quel punto potessi trovare un passaggio per Gubbio, mi farebbe comodo, io ho scritto una mail a Roma, ma nessuna risposta. Spero tu possa farmi sapere magari a chi rivolgermi di preciso. Ciao a presto e grazie di tutto.

  • @ wanna:
    Grazie Wanna !
    Persone,Anime; come te anche davanti a percorsi pieni di ostacoli riescono a trovare il proprio cambiamento,profondo,…e come sempre nulla succede per caso,arriva il percorso spirituale ,che come dico sempre è una bellissima “strada senza ritorno”…non si puo’ piu’ fare a meno :-))
    Grazie di averci incontrato …
    OM Shanti OM
    Un abbraccio di cuore
    Fulvia

  • @ Marisa (SR):
    Buon giorno Marisa!!
    Scusa l’attesa,mi sono informata, la persona da chiamare a roma è Radha..
    Tel: 065342405
    Buona domenica!!!
    Che bello ci vediamo a Casa Sangam 🙂
    Fulvia

  • Grazie Fulvia, per la risposta, purtroppo ho provato a chiamare, ma mi dice che il numero non è attivo, aspetto tua risposta, sono molto felice di fare questa esperienza, grazie, un abbraccio, ci vediamo presto.Marisa

  • Namastè Fulvia

    Vedo che creato delle perplessità in te cercherò di esprimermi meglio.

    Ricevi uno schiaffo,l’impatto della mano con la pelle provoca dolore (realtà), per questo soffri,ma se sei masochista gioisci.
    La realtà è una ma le percezioni sono due sofferenza e piacere (illusione).

    Il giusto comportamento è quello centrale dell’osservatore,dell’Anima,che non gioisce e non soffre osserva senza essere contaminata da ciò che accade .
    Quando saprò sempre comportarmi così e riuscirò a trasformare il comportamento in “Essere” starò realizzando il vero Io.
    Nel frattempo guardo cerco la parte positiva negli accadimenti per crescere senza drammatizzare,limitando sofferenza e gioia,perché sono consapevole che sono illusione,nascono nella mia mente e lì muoiono.

    Guardare al meglio di me intendo a ciò che è Essere Anima-Divino,curo il mio egoismo meditando Pace perché essa è priva di desideri quindi anche quello di possedere,più sarò Pace e meno sarò egoista,la rabbia con l’Amore perché in esso si scioglie.Non medito “non sono egoista” per due motivi:
    – Porterei energia al egoismo.
    – Mi è stato insegnato che la mente lavora per immagini e il “non” non ha immagine,quindi io dico”non sono egoista” così suona ma nella mente si fissa”sono egoista” effetto totalmente contrario all’intenzione.
    Questo è il mio essere indifferente alle parti che ritengo inadeguate in me.

    Perdonatemi,mi sono dilungato ma ci tenevo ad esprimermi più chiaramente.
    Non sono un maestro,le letture sono importanti ma gli insegnamenti che ti cambiano arrivano dal di dentro praticando.

    OM Shanti
    Mario

  • Sai Mario, quando faccio meditazione mi vengono parole che credo provengano da quella parte di me che tu chiami “Essere”, quello che io vivo come ” il mio maestro spirituale”; allora scrivo quello che arriva,e quando lo rileggo me ne stuisco sempre, perchè in genere non lo ricordo. Mi piace entrare in contatto con quella parte di me che non si schiera, che, come tu scrivi, non gioisce e non soffre, non giudica: è neutra e soprattutto piena di amore…mi fa bene incontrarla, mi da gioia, calore, fiducia, amorevolezza verso me stessa e verso le persone con cui ho difficoltà a confrontarmi, come se mi guidasse nei rapporti soltanto attraverso l’amore….Sono molto d’accordo sul non utilizzo del “non”. In quanto a diventare osservatore dei miei accadimenti ne ho di strada da fare…Mi sto preparando piano piano…in fondo la propria strada si fa camminando! E se avete, hai, qualche lettura interessante da consigliarmi, te ne sarò grata….Pace, Amore e Serenità a Tutti Silvia F.

  • Namaste Silvia

    Bene ,molto bene sono felice per te,riconosci il tuo “Maestro spirtuale” lascia che sia il tuo centro te stessa.
    Chi meglio di lui può indirizzarti verso le letture a te più adatte,chiedi e ti sarà dato.

    Ma non riesco a tenermi,due letture che mi sono state utili perché di contrappeso (piedi a terra) sono “Il cuore saggio” di Jack Cornfield ,un illuminato contemporaneo e “Esperimenti con la verità” di Gandhi niente di spirituale ma l’evoluzione di un uomo concreto con pregi e difetti.

    Dai tuoi pensieri togli senza paura il “come se mi guidasse” e lo sostituiscilo con un “mi guida”.

    Om Shanti!
    Mario

  • Buon giorno e Namaste’ .
    Grazie Mario sei prezioso e grazie Silvia con la tua bella condivisione….
    Riuscire a trovare nella meditazione un momento di non giudizio e completa fiducia è davvero un bella esperienza…
    Condivido con voi l’eliminare l’utilizzo del “non” ottimo consiglio….
    E…Fantastico “gli insegnamenti che cambiano vengono dal di dentro praticando” e se posso aggiungere con l’esperienza…

    Un ottimo libro che vorrei consigliare è di E.Tolle “Un nuovo Mondo”
    cosi Silvia hai una vasta scelta :-))))

    Un abbraccio di cuore
    Fulvia

  • ciao a tutti, non posso non condividere l’emozione provata ieri pomeriggio quando sono uscita(anche se per brevi minuti) fuori casa. C’era una pace tremenda..avvertivo una sensazione di benessere interiore..sono sicura che questa energia é dovuta al fatto che in questi giorni c’é il ritiro. Anche se non sono presente fisicamente (purtroppo) sappiate che la mia anima é con tutti i presenti e medito con voi ^________^ grazie della vostra energia!! Om shanti a tutti! Ciao anime, e a domani :))

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi utilizzare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Copyright © Brahma Kumaris 2015. Tutti i diritti riservati