Il Potere del Femminile

Riflettendo sul potere del femminile è assai bene equipaggiarsi! Il territorio che si sta esplorando è talmente vasto che qualsiasi volontà di controllarlo o dominarlo appare sciocca 😉

La femminilità è qualcosa che appartiene all’animo. Nel senso che ci sono tante donne in giro che sono maschi a tutti gli effetti, nei modi e nella mentalità. E ci sono uomini che hanno sviluppato una femminilità molto profonda, e a tratti eccessiva 😉

L’anima non ha sesso, ha entrambe le qualità in sé, maschile e femminile. Così non vuol dire che se sono nata donna avrò il mio abbonamento alla femminilità. E’ una caratteristica su cui, soprattutto oggi, sono chiamato a lavorarci su.

Il primo varco del femminile

Secondo alcune correnti viene espresso senza peli sulla lingua che la creazione è femminile. La bellezza di tale reame sta nella sua disponibilità a lasciarsi esplorare, nella sua tranquillità a concedere il permesso della conoscenza.

Ma il patto di fuoco che occorre rispettare fa parte di uno degli equipaggiamenti di cui prima si parlava. L’esplorazione femminile concede una profonda intimità e apertura che va di pari passo a un profondo rispetto. Devo conservare il desiderio genuino di amplificare il beneficio della relazione attraverso uno scambio armonico e nobile.

Qui sta il primo varco, per il quale molti restano fuori. Con cosa devo generare armonia?

L’armonia, può sembrare strano, non va generata tanto con la controparte femminile (sia essa una donna, la natura, ecc…) va generata, dapprima, con una concreta volontà di accrescere certi poteri e virtù che porto dentro di me. Se non inizio a soddisfare quei bisogni in autonomia, presto o tardi la mia ricerca del femminile si tramuterà in una tortura o in un fallimento. Peggio ancora si tramuterà in una mania dipendente e violenta.

Ora, di cosa ho bisogno realmente? Posso chiedermelo un attimo, con sincerità?

Ho bisogno di soldi? Di una donna, di un uomo? Voglio un figlio? Ho bisogno di una posizione sociale?

Questi sono tutti attributi secondari perché chi vorrebbe mettere al mondo un bambino e poi trattarlo male, o peggio divenirne stressato e maledirlo, nell’intimo? Chi vorrebbe un’ottima posizione sociale ma poi non saperla gestire ed esserne risucchiato (schiavizzato)? Chi vorrebbe mai iniziare la relazione della propria vita e poi soffocare nell’attaccamento e nelle aspettative?

Prima di tutte queste sfere materiali ho bisogno del coraggio e dell’amore per poterle vivere bene. Ho bisogno della contentezza e del rispetto per apprezzarle e accrescerle. Ho bisogno di tutta una serie di virtù immateriali che vanno a dare forza alla mia dimensione quotidiana.

Alla fine dei conti, lo scambio più fortunato e più duraturo è quello per cui molta maturità passa. La bellezza può essere condivisa fintanto che determinati sguardi di rispetto si posano gli uni sugli altri. Questo perché abbiamo tanto da condividere e una condivisione fatta in questo modo diventa reciprocità e complemento. Solo nella complementarietà c’è reale nutrimento.

Uno scambio simile è molto nobile, allo stesso tempo supporta quando ce n’è bisogno e comprende molto, molto profondamente.

Il secondo varco del Femminile

L’abilità di confidarsi, di aprire il cuore. La capacità di fidarsi e lasciarsi andare in uno scambio che elevi e rafforzi. Avvalersi dell’altro, o dell’altra per raggiungere determinate altezze sembra un’arte quasi del tutto scomparsa, ma è vitale.

Solo il femminile riesce a incoraggiare, a rincuorare e a rendere forti. Mi apro a questo? Che io sia un uomo o una donna ha poca importanza. Quello che veramente importa è avere fiducia nella vita e negli altri. Sono sospettoso e temo che la fregatura sia costantemente dietro l’angolo? Sono disposto a donare quello che ho, anche in situazioni difficili, o divento avaro?

La vera femminilità si trova nel profondo dell’animo, ed è una caratteristica essenziale da sviluppare per una sana e reale crescita personale, nonché spirituale. Se non faccio questo, difficilmente i blocchi che ho si scioglieranno facendo fluire le cose.

Ma possiamo approfondire tutto ciò nel prossimo articolo!

Tutto il meglio per la tua realizzazione
Università Spirituale Brahma Kumaris

A proposito dell'autore

Marco De Biagi
Marco De Biagi

Marco De Biagi vive e lavora a Milano. Coordina le attività della Brahma Kumaris in Lombardia assieme a un team e dirige con successo gli eventi online ed offline della Self Help Academy, un'accademia di auto aiuto.

4 Commenti

Lascia un commento
  • Caro Marco, il tuo articolo arriva “casualmente” in un momento cruciale, nel quale sto comprendendo che devo finalmente decidermi a togliere i pantaloni (nel senso vero e lato) che ho indossato per tanto tempo, troppo, forse per tutto il tempo di questa mia esistenza… Aprire il varco, sì, lascirsi andare con tranquillità, confidando pienamente in quella dolcezza che madre Natura ci ha donato, la stessa dolcezza con la quale culliamo un bambino. E anche se non ce l’hanno insegnata, cercando nel silenzio, la troveremo, perché è dentro di noi, assopita. Grazie!

  • Ciao Marco,
    ho letto l’articolo e condivido il contenuto, in questo “periodo” che stiamo vivendo la pura energia femminile con la sua dolce amorevole forza ci aiuta a superare i conflitti mantenendoci nell’Umiltà che è una delle Virtù che preferisco, una volta compresa e integrata è di grnade aiuto per la pace interiore e lo sviluppo spirituale di noi anime.

    Om shanti
    Rosalba

    • Ciao Rosalba, grazie 😉

      in effetti una situazione di conflitto o una prova, può solo essere superata pacificamente, altrimenti ricapiterà in un modo o in un altro nel futuro, certo pace non significa essere passivi 🙂

      Un abbraccio! E buonissimo proseguimento,
      shanti
      Marco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi utilizzare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Copyright © Brahma Kumaris 2015. Tutti i diritti riservati