Come Meditare in situazioni stressanti

come meditareQuesta affermazione merita sicuramente un articolo, infatti le situazioni di stress, e anche forte, sono diventate il pane quotidiano della nostra vita,

è possibile dire che oggi, in un modo o in un altro, non c’è persona che non risenta in maniera negativa dello stile di vita che conduce, non tutti ovviamente ma la grande maggioranza si trova a dover affrontare la routine in condizioni mentali spesso giù di tono o depresse.

Il problema è duplice: 1) lentamente ci siamo lasciati sopraffare dall’atmosfera che abbiamo intorno; 2) forse questo sarebbe il primo, abbiamo lasciato che determinate abitudini prendessero il sopravvento,

per questo molte persone oggi si chiedono come meditare convivendo con simili aspetti?

Ma al di là del fatto che la meditazione voglia essere la disciplina che pratico o che semplicemente desideri uscire da uno stato d’animo che non apprezzo, il principio di fondo sta nel: passare del tempo di qualità con me stesso.

Solo così potrò capirmi, fare il punto della situazione, vedere quali fili mi stanno tirando da quale parte e cercare di dettare positivamente un po’ di legge al mio interno, seguire insomma, di più, le mie priorità.

Questo non deve stimolarci a dare un calcione a ciò che c’è intorno perché, come si sa, i cambiamenti possono e devono avvenire gradualmente.

La meditazione sicuramente mi aiuta a rilassarmi profondamente e centrare, nel giro di poco tempo, ciò che non va, mi fornisce anche la forza e lucidità per muovermi da quel pantano interiore.

Ecco perché quest’articolo è dedicato a tale pratica in particolare, nelle condizioni più comuni in cui oggi viviamo, quindi…:

La mattina

Questa sicuramente regala una base, delle fondamenta davvero positive alla mia giornata e alla mia mente. Faccio rifornimento per iniziare un viaggio e non per finirlo, quindi ci si augura che il momento per immergersi nel silenzio e prendere il meglio da questa esperienza venga trascorso proprio al mattino.

Da domani metti la sveglia semplicemente 20 minuti prima del tuo orario consueto; all’inizio non c’è bisogno di fare chissaché per poi trovarsi una settimana dopo a troncare!

Venti minuti inizialmente sono sufficienti, meglio sarebbero 25 (l’ideale una mezz’ora di tempo prima del solito).

Cosa faccio in quest’arco di tempo?

Mi alzo appena sento la sveglia e mi do una rinfrescata, questo aiuta il mio corpo a svegliarsi meglio. Se vuoi svegliare da subito la tua mente, lascia sul comodino delle note o una pagina aperta di un libro che ti ha fornito particolare ispirazione il giorno prima e, appena sveglio/a… leggi subito quella frase, noterai come i processi mentali si avviano quasi istantaneamente; poi alzati come dicevamo e vai a rinfrescare fisicamente il corpo.

Meditazione Guidata

Questa modalità è fruttuosissima per coloro appunto che non riescono (al momento) a fare da soli. Vuoi per poca esperienza, vuoi per situazioni passeggere di forte stress o ansia, vuoi per carenza di concentrazione… tanti buoni motivi,

che trovano la loro risposta in un buon sostegno guidato che conduce la mia mente, passo dopo passo, ad un’ esperienza interiore.

Questo però va fatto non tentando di analizzare parola per parola ciò che sento, facendo così non faccio altro che confermare sempre di nuovo il mio stato d’animo interiore impaurito, accentratore e stressato che non riesce a lasciarsi andare.

Bisogna invece rilassarsi un attimo e lasciare che l’atmosfera della parole (solitamente parlate dall’insegnante) mi guidi da sola alla destinazione, per la durata dell’esperienza quindi, è come se lasciassi la mia mente libera e senza preoccupazioni, non proprio libera in effetti perché guidata…  un po’ come un fiume.

Musica

Anche questo aspetto non va sottovalutato, infatti l’atmosfera che può creare una musica dolce e rilassante, giova non poco alla mia mente sempre in corsa.

Accingersi alla pratica con un sottofondo musicale, allieterà sicuramente il mio percorso e, spesso, mi proteggerà acusticamente dai rumori esterni, che sopratutto all’inizio possono dar fastidio.

Se acquisto delle musiche per questo scopo, è bene assicurarsi che i compositori stessi siano dei praticanti e che la musica sia semplice, altrimenti correrò il rischio di perdermi ad ascoltarla!

Brani strumentali di flauto e chitarra vanno benissimo ad esempio, l’importante è che il loro andamento sia costante e non troppo variegato. Anche musiche elettroniche, di qualità, aiutano molto nel processo di rilassamento ed introspezione.

Meditazione Yoga

Questo tipo di pratica in effetti, è un po’ difficile da praticare in situazioni di stress (almeno all’inizio) ed andrebbe fin da subito approcciata assieme ad un insegnante; tale disciplina infatti, meglio nota come Raja Yoga, può portare a dei risultati positivamente sconcertanti nel giro di poco tempo.

Essa si concentra unicamente sul nostro Sé interiore ed il suo rapporto con il Supremo, è tale connessione che opera dentro di noi facendo scomparire, sostanzialmente, le tracce negative del malessere e riportandoci alla nostra condizione di verità.

Ma, la particolarità e la forza di tale pratica deve, come detto, essere affrontata con la guida di chi ha esperienza; per questo ti rimando, se non l’hai già fatto, ad iscriverti al nostro corso per sperimentare in prima persona ciò che hai letto fin qui.

Spero che questi spunti possano avere sedato alcuni dubbi su come meditare, e se senti di dover comunicare al riguardo puoi lasciare un commento qui sotto,

Tutto il Meglio per la tua Realizzazione,

Università Spirituale Brahma Kumaris

A proposito dell'autore

Marco De Biagi
Marco De Biagi

Marco De Biagi vive e lavora a Milano. Coordina le attività della Brahma Kumaris in Lombardia assieme a un team e dirige con successo gli eventi online ed offline della Self Help Academy, un'accademia di auto aiuto.

15 Commenti

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi utilizzare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Copyright © Brahma Kumaris 2015. Tutti i diritti riservati