Impegnati nella Meditazione… ma non preoccuparti!

…Questo è il segreto, nel senso che se ci mettiamo veramente a praticare,

i risultati arrivano, anche contro la nostra volontà! Infatti non meditiamo “per sport” (come si dice),

sentiamo che la nostra destinazione è alta, i nostri obbiettivi sono molto esigenti.

Per questo è bene dedicare tempo, con il tempo e la buona volontà la pianta della meditazione cresce prodigiosamente e diventa poi più facile sostenersi sulla nostra  stessa forza.

Il problema è che a volte, e spesso all’inizio, il nostro entusiasmo ci porta ad essere troppo severi con noi stessi, rigidi.

Iniziamo a non perdonarci gli errori, iniziamo a voler fare tutto subito dimenticando facilmente che un seme piantato nella terra… non cresce il giorno dopo!

Anzi, più la pianta è di natura robusta più impiegherà tempo. Quando piantai dei semi di quercia ci vollero mesi solo per la germogliatura!

La Meditazione è un “seme” tale che la quercia in paragone è come una margheritina…

Quindi il consiglio è: impegnati, con tutto_a te stesso_a, ma (specialmente se sei all’inizio) non colpevolizzarti se non ce la fai, sei cadi nel sonno, se la mente si affolla di migliaia di pensieiri!

Tutto questo… tutto questo verrà stabilizzato e portato alla normalità con l’aiuto di una pratica sincera e constante nel tempo; in una parola: armonizzare.

Ecco alcuni spunti pratici:

– Se vedi che, nella meditazione, i pensieri vanno e vengono all’impazzata… allora smetti temporaneamente. Prendi un taccuino e scrivi, liberati. Scrivi un pensiero o cosa veramente hai nel cuore. Scrivi ciò che non va… poi torna a meditare.

– Se sei tendente al sonno, area la stanza prima della sessione. Sciaquati il viso ed i polsi e tieni un bicchier d’acqua fresca vicino a te; potrai berne dei sorsi per rinfrescare il corpo.

– Agisci d’anticipo sulla tua mente, non lasciarle prendere il controllo! Crea il tuo percorso meditativo parlando gentilmente, in silenzio, alla tua mente. Guidala come se fosse un veicolo.

Non aver paura di sprecare tempo (se ne spreca molto di più quando si tenta di far zittire 10.000 pensieri).

Bene, spero che questi semplici consigli possano avere un valido impatto, ma per approfondire trovi il corso di meditazione disponibile a questo link.

Un saluto per adesso in attesa della prossima puntata,

tutto il Meglio

Università Brahma Kumaris

A proposito dell'autore

Marco De Biagi
Marco De Biagi

Marco De Biagi vive e lavora a Milano. Coordina le attività della Brahma Kumaris in Lombardia assieme a un team e dirige con successo gli eventi online ed offline della Self Help Academy, un'accademia di auto aiuto.

19 Commenti

Lascia un commento
  • @ maria cristina:
    Grazie a Te Cristina,

    a presto, e tutto il meglio da questo viaggio….

    Marco De Biagi
    Università Brahma Kumaris

  • Uuh! Che bello! Qualcun altro come me si sta approcciando per la prima volta a questa pratica?! ^^
    (si lo sapevo che nn potevo essere l’unica! 😀 eheh)

    Io ero totalmente “digiuna”.. e trovo che (seppur possa a volte essere un po complicato, o, appunto, possa “non riuscire bene” :D) la meditazione, (questo tipo di meditazione) sia una delle cose più belle e meravigliose che un essere umano possa fare per se stesso. E per gli altri!

    Che bello!! 🙂

    E come si fa a non ringraziare poi chi ha incontrato le nostre strade e ci accompagna gentilmente per un po?! 🙂
    Mi associo a Maria Cristina!! ^^

  • Ottimo e abbondante ! ogni tanto mi inceppo e poi mi chiedo se sto meditando bene o meno. Cercherò di creare un percorso a mia misura per non deviare troppo da una misura standard.
    Grazie Marco

  • All’inizio mi sembrava di aver trovato il sistema giusto ma gli ultimi tentativi sono stati molto dispersivi. Grazie dei consigli ulteriori

  • @ Francesco Di Giovanni:
    Ciao Francesco,

    la pratica è ciò che, gradualmente, fa sparire i dubbi, non ti fermare…

    a presto,
    Marco De Biagi
    Università Spirituale Brahma Kumaris

  • @ Maila:
    @ Pino:

    Ciao Pino e Maila… complimenti, di cuore.

    Una delle chiavi è non preoccuparsi (per quanto possa non essere facile),

    gli alti e bassi e le confusioni ci saranno, non possono non esserci fino a che non sviluppiamo una certa padronanza,

    dobbiamo andare avanti nella pratica come “uno schiaccia sassi”, ok?

    Nel senso positivo del termine.

    Non perdiamoci d’animo quindi, ogni sforzo che facciamo porta un risultato!

    Marco De Biagi
    Università Brahma Kumaris

  • @ giorgio:
    @ ines:
    Fantastico! sono contento che vi piaccia,

    a presto!

    Marco De Biagi
    Università Brahma Kumaris

  • GRAZIE!!! Anche se frequento la Brahma Kumaris di Bologna ed aveveo già completato il corso base il tuo supporto e le lezioni sono state di grande aiuto…. le porto sempre con me nel mio I pod insieme alle meditazioni giudate e varie conferenze….. ho aspettato 15 anni da ricercatrice prima di essere premiata potendo frequentare una vera UNIVERSITA’ SPIRITUALE ….. ED ORA SI VOLA!!!! OM SHANTI

  • @ Alessandra Cristiani:
    Ciao Alessandra, che bello!

    La meditazione infatti è una fra le più grandi ricerche che possiamo intraprendere, colui che medita è, a tutti gli effetti:
    un RICERCATORE.

    A presto e Buon proseguimento,
    Marco De Biagi
    Università Spirituale Brahma Kumaris

  • Caro Marco,
    Grazie per le tue lezioni, il corso è molto bello e utilissimo e sono molto felice di poter partecipare al corso avanzato!
    Anch’io l’inverno scorso ho frequentato il corso base presso la sede di Bologna….bellissimo, il corso on line mi ha dato la possibilità di chiarire ulteriormente!!! Complimenti a presto Om Shanti

  • Ciao Rocco,

    un saluto fraterno, spero di vederci presto e magari a Bologna,

    con amicizia,
    Marco De Biagi
    Università Spirituale Brhama Kumaris @ rocco:

  • forse per le persone caotiche , quale io sono, la strada più agevole è quella di contrattare con la propria parte oscura, in soldoni le dico di permettermi di fare una meditazione efficace e dignitosa e di non temere di venire accantonata . Le chiedo il “semaforo verde” affinchè poi tutto funzioni meglio e la pace diventi un’energia e non un assioma imparato a memoria.

  • Ciao Francesco,

    i nostri difetti un tempo erano le nostre virtù, ossia un tempo sapevamo esprimerci con calma, pazienza e anche amore,

    ma poi a seguito di tanti eventi, batoste, incomprensioni e chi più ne ha… abbiamo sviluppato l’opposto: frenesia, impazienza ed odio.

    Dovremmo quindi imparare a guardare i nostri difetti, a vederli… ma senza ascoltarli troppo, perchè al momento sono come degli ubriaconi inaffidabili.

    … è importante dialogare con il sè, capire da dove originano determinate tendenze,

    a presto,
    Marco De Biagi
    Università Spirituale Brhama Kumaris

  • hai ragione tu . la prima cosa che il giurista fa è il cercare la definizione.ma è proprio questa forma mentis che , paradossalmente , impedisce un efficace contatto col Sè. Quando durante la pratica meditativa riesco a “spogliarmi” sto bene come un Papa.
    definizione infelice. Insomma , devo stare attento a non filtrare eccessivamente con la mente.
    Sempre Ti ringrazio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi utilizzare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Copyright © Brahma Kumaris 2015. Tutti i diritti riservati