Sublimare la Sessualità III – Uomo, donna, armonia, amore, unione

Le nostre vite sono alimentate da scambi e relazioni. Coltiviamo da sempre il desiderio verso una persona o una famiglia attraverso cui sviluppare o dare alla luce nuova vita e nuovi progetti. Un compagno, una compagna con cui scambiare amore diventa qualcosa di vitale. L’armonia tra il maschile è il femminile non rappresenta solo un bisogno, è un impulso originale dell’essere umano.

Per quanto mi forzi infatti, non è veramente possibile andare avanti senza armonizzarsi all’altra persona, alla sua personalità e natura, soprattutto se di sesso opposto. Sono solamente chiamato a scegliere come attuare questa unione. Unione tra maschile e femminile significa armonia e completamento, significa pace. Rappresenta uno dei significati primigeni della nostra razza umana.

Posso ritenermi completo solo quando armonizzo queste due caratteristiche, primariamente nella mia anima. Essa infatti le possiede entrambe e a seconda del sesso e del corpo in cui nasce, esalta le qualità maschili o femminili. Capita molto spesso che, invece di comprendere e curare i nostri traumi e repressioni interiori, facciamo subito il salto verso la persona da cui siamo attratti. Nel 99% dei casi ciò si tramuta in un bisogno incontrollato che affossa lentamente la relazione. Semplicemente perché i partner devono prima di tutto guarire dentro, e, molto spesso, non hanno la forza né l’esperienza di guarire l’altra persona.

È difficile, perché chi è che non desidera comprensione e affetto dai propri simili? Chi non desidera un abbraccio o una parola dolce dalla persona che ama o che stima? Specialmente nei momenti difficili, chi non ha bisogno di una mano amichevole che lo sostenga? … In questi ambiti, è bene lasciare da parte l’ipocrisia.



Amare e ricevere amore mi regala la gioia, mi fa sentire completo. È senza di esso che le cose diventano rigide e non hanno praticamente senso di essere. Solo amando posso sentire che anche attraverso di me le cose scorrono e si sviluppano fluidamente. Amore è sinonimo di vita e la vera vita è sempre un’espressione armonica e fluente.

Amando, scopro quel territorio così prezioso chiamato intimità. Ricevo il permesso unico di solcarne le porte che altrimenti sarebbero chiuse. E infatti oggi la maggior parte di noi è come un mendicante alle porte di un tempio o di una chiesa, o di un supermercato! Non entra dentro, è come se quell’accesso gli fosse negato.

La pienezza interiore è la vera cura di questi tempi. Quando invece vado in carenza di sentimenti, la mia relazione diventa convulsa, e inizio a volere a tutti i costi qualcosa dagli altri.

Ma in quanto essere umano, e soprattutto oggi, ho il dovere di reindirizzare il mio cuore per una scelta di amare che non sia solo un bisogno ma un regalo che faccio io in prima persona agli altri.

Questa scelta mi attende, attende tutti noi in realtà. Ci sono tante persone oggi che hanno bisogno di amore, tante persone che soffrono e mascherano il loro dolore così bene! Se solo ascoltassi un poco di più il pianto che echeggia nell’umanità, riuscirei a lasciare andare tante cose inutili in cui sono coinvolto.

Non solo le persone stanno implorando il mio soccorso, ma la terra stessa è quasi totalmente svuotata.

È proprio quando salgo la scala dei sentimenti che mi rendo conto che una condivisione globale di certe qualità va a “rompere” e ad ampliare lo scambio di un rapporto di coppia, o di qualsiasi tipo di rapporto esclusivo. Rompere viene usato nel significato naturale del termine: come quando un pulcino rompe il guscio d’uovo per venire alla luce; o una farfalla rompe il bozzolo per aprire le ali e volare; o i denti da latte vengono scalzati via da quelli che dureranno tutta una vita.

I due amanti, il padre di famiglia, l’amico, il fratello, la figlia e così via … si rendono piano piano conto che tante altre persone, attorno a loro, necessitano di essere scaldate dall’amore e che questo li deve raggiungere imparziale, per poter essere effettivo. Diciamo sempre che l’amore non ha favoriti, che è incondizionato.

Ad esempio, il rapporto di coppia si trasforma e diventa una donazione delle virtù verso una relazione con la grande famiglia umana. Questo non vale solo per il rapporto di coppia come detto. Ognuno, a un certo punto del suo tragitto, si sente chiamato a condividere le sue qualità d’animo su scala universale.

Per riuscire a donare il mio amore a centinaia, migliaia di persone e più, ho bisogno di forza, e soprattutto esco da un’esclusività, da un giardino di sentimenti che prima condividevo solo con la mia amata o con la mia famiglia. Questa è una metamorfosi spontanea, la chiamata arriva da sola senza che io la invochi, e quando arriva non ho il potere di non ascoltarla.

In questo caso l’amore, così come ero abituato a concepirlo, muta di livello, proprio perché deve raggiungere più persone allo stesso istante, e in diverse parti della terra. Una terra che oggi è andata disfacendosi, oppure noi l’abbiamo fatta seccare, ma ha così tanto bisogno di essere guarita. Torniamo quindi al punto della scelta personale, a cui va agganciata la chiamata del tempo. Questi due fattori, uniti insieme, fanno si che la mia modalità d’amare assuma altre forme, in sintonia con la mia nuova visione.

È semplicemente una trasformazione, una metamorfosi. Quello che ho fatto prima va bene. Ora si apre un’altra avventura davanti a me. La scelta di viverla, e in quale misura, spetta intimamente a ognuno di noi.

A proposito dell'autore

Marco De Biagi
Marco De Biagi

Marco De Biagi vive e lavora a Milano. Coordina le attività della Brahma Kumaris in Lombardia assieme a un team e dirige con successo gli eventi online ed offline della Self Help Academy, un'accademia di auto aiuto.

25 Commenti

Lascia un commento
  • Allora grazie per questo articolo così toccante. Ho ricevuto una buona relazione in dono dalla vita proprio quando ho aperto tutta me stessa agli altri, si lo confermo e va sempre alimentata questa tensione verso l’altro…purtroppo la societa’ attuale tende ad isolarci…una fortuna incontrare sul mio cammino viaggiatori cosi sensibili. Buona giornata a tutti
    antonella

  • buongiorno Marco
    E’ bello cominciate la mattina con queste parole incoraggianti sull amore
    …sono daccordo e sento da sempre
    che l amore di cui ho bisogno e che voglio donare e’ per
    tutto e tutti….e dato che mi sento come
    la terra stanca, secca, debole
    vorrei tanto che tornasse a scorrerre abbondante e fresco
    come acqua pura nel mio cuore
    e nella mia vita l AMORE.
    un abbraccio
    Dani

  • Vi sono profondamente grata per gli splendidi articoli e il video. Questa mattina mi sento fortunata per avere l’opportunità di vivere una giornata alla ricerca di un amore incondizionato , la vera essenza della vita. Dopo le mie preghiere , le mie meditazioni, la lettura dell’articolo mi ha dato una carica positiva enorme..ho passato la mia vita a chiedere amore, ad avere bisogno di amore e finalmente ho “rotto” il guscio che mi teneva prigioniera: ho capito di essere profondamente amata da un Essere Superiore e che oggi devo fare sola la mia piccola parte di azione : amare disinteressatamente gli altri e miracolosamente l’Amore mi ritorna…grazie ancora Marco e tutti voi…un abbraccio gratis

  • Proprio stamattina pensavo al fatto che un anno fa mi trovavo a casa sangam per un’esperienza ricca di spiritualità e pace, a contatto con persone meravigliose ed anime speciali e amorevoli come tutti voi…rileggere questi articoli mi ha riportato alla mente gli insegnamenti ricevuti, il percorso di consapevolezza interiore intrapreso ed è servito da stimolo per continuare sempre su questa strada affinchè possa sentire sempre ciò che di più vero e concreto vi è nella mia anima e ciò che sono in grado di dare per essere nella mia vita dono per gli altri….grazie infinite! Om shanti e un mondo di gioia e di bontà!

  • …..la vita è Amore e l’Amore è Dio, capita spesso che quando si presenta l’occasione d’incontrare una compagna di vita, sono distratto e non presente a me stesso, cosi sono sempre solo. Spero in una prossima occasione.

  • E da molto che vi seguo, anche se non partecipo molto con i commenti.
    IL video è … direi … commovente in certi momenti. E’ un crescendo di emozioni positive … all’inizio c’è quasi un inbarazzo nelle persone, un non volersi far coinvolgere (anche se si vorebbe). Poi è un tripudio … “di volerli questi abbracci”. Penso che anche l’amore sia un pò cosi … all’inizio si ha quasi timore a lasciarsi andare ai sentimenti. Poi si scopre che è l’unica via possibile, nonostante tutto. Grazie per il vostro lavoro.

  • Ciao Marco, toccante il video …inutile dire l’aridita’ d’amore e, li’
    racchiusa la chiave “del tutto” ! Ho letto su Chiara che ricordava l’esperienza condivisa a casa sangam …nn so se e’ lei, ma voglio mandarle
    un grande abbraccio ,,, eravamo inizialmente timorose ma poi ci siamo unite
    in una grande famiglia spirituale di pace , esperienza forte che nn si dimentica ! grazie Marco!
    Teresa

  • @ dani:
    ciao daniela,

    l’amore è come una farfalla, è come un fiore,
    più ci coltiviamo e ci rendiamo belli più esso arriva 😉

    buonissimo proseguimento!
    Marco

  • @ antonella:
    ciao antonella,

    un caro abbraccio allora, dal cuore,
    vedrai che nella vita si schiuderà tutto ciò di cui abbiamo bisogno,

    il segreto è poi donarlo agli altri,

    a presto,
    Marco

  • @ Anna Maria:
    ciao anna maria, grazie a te per la bellissima condivisione,
    ti auguro una splendida giornata e un buonissimo proseguimento,

    marco

  • @ chiara:
    chiara ciao, che piacere risentirti!

    spero tanto di rivederci presto,

    un saluto da tutti e un buonissimo proseguimento,

    marco

  • @ nunzio rizzi:
    ciao nunzio, piacere di risentirti,

    puoi anche riscrivere lo stesso commento e spuntare il quadretto,
    così è tutto più facile 😉

    a presto, e buon proseguimento,
    marco

  • ciao Marco,
    è da giugno che vi seguo e con grandissima gioia sento da voi quelle parole che ho sempre anelato di sentire.
    Noto che sto iniziando a sentirmi “con” gli altri, mentre, prima, era un continuo sentirmi “contro”.
    Riesco, spontaneamente, a dare non cose materiali soltanto, ma dare me stessa, aprirmi e provare ad avere fiducia che gli altri non mi calpesteranno!
    un abbraccio

  • ciao anime.
    non ho la forza di guardare il video perché sto attraversando un momento non bello, a dire il vero per niente bello…
    mi privo di provare emozioni per evitare che ne scaturiscano altre, è brutto a dirsi ma é così. ancor peggio da vivere…
    Ma so che in fondo, é proprio di abbracci che avrei bisogno…abbracci a non finire, da anime sensibili come la mia.
    Spero di poter venir fuori il prima possibile da questa gabbia interiore che purtroppo la vita mi ha creato con un evento spiacevolissimo per me, e difficile da affrontare, sono ancora nella fase “shock”…
    Spero di tornare ad essere assidua come prima su questo blog con i miei commenti e la mia partecipazione.
    Nel frattempo “ci si vede” il 26 (giusto? o é il 27?) a lezione on line con antonella

    Om shanti a tutti voi
    un abbraccio infinito di pace

  • Ciao Marco,quello che scrivi provoca grandi riflessioni vai a toccare quello che è la centralità della vita di ognuno di noi.Il nostro egoismo ci fà perdere quello che dovrebbe essere la vera essenza dell’amore.Amare in senso universale(un albero,il mare,il cielo)senza cercare nessuna cosa in cambio,amare incondizionatamente tutto quello che ti circonda.Spesso cerchi l’amore in una persona perché pretendi e vuoi ricevere da quella persona qualcosa che ti gratifichi,usi quella persona per quello che ti serve senza accorgetene.Quell’egoismo che ci condiziona tanto nella vita ci tiene prigionieri della nostra esistenza,apriamo all’amore senza cercare niente in cambio,se riusciamo in questo non ci sarà sofferenza,la carezza e l’abbraccio che tu hai bisogno saranno veri,qualcuno non vi capirà ma lasciate che l’amore faccia il suo percorso,senza forzare i tempi.Irradiate tutto l’amore che cè in voi.Un abbraccio a tutti.

  • @ daya:
    ciao daya, grazie,

    un grandissimo augurio affinché comprenda profondamente
    il significato di quello che stai passando,

    e possa quindi lasciarti questa situazione alle spalle,
    guardando avanti con gioia,

    Marco

    PS: la lezione è il 26

  • ciao marco, figurati…grazie a voi… SEMPRE SEMPRE.
    Per adesso non riesco aguardare avanti, sono nella spirale del dolore più totale…ma ti ringrazio davvero tanto per il tuo augurio.
    ok al 26 allora:)
    un abbraccio

    Om shanti

  • ciao a tutti e om shanti.
    La lezione di fulvia é appena terminata; volevo dire a chi aveva chiesto della stupenda lettura che ha fatto fulvia, che l’ho trovata in rete 🙂 e sono felicissima di condividerla

    “Liberi dal sogno. La nostra aspirazione, la nostra vocazione, il desiderio di una vita autentica, è scoprire la verità di chi siamo davvero, capire che la natura del nostro essere é connessione e amore, non l’illusione di un sé separato a cui si aggrappa la sofferenza. Ed è partendo da questa consapevolezza che la vita può attraversarci: questo corpo condizionato, libera manifestazione dell’incondizionato. Il sentiero della pratica della meditazione Secondo Bayda.

    E qual’è il sentiero?
    Impara ad abitare ciò che la vita propone.
    Impara a prestare attenzione alle cose
    che bloccano il flusso di una vita più aperta
    e vederle come la vera via del risveglio:
    costrutti, identità,
    esitazioni, difese,
    paure, autocritiche e accuse,
    tutto ció che ci separa dall’accettare la vita.

    E qual’è il sentiero?
    Rinunciare alla ricerca di consolazione
    e alla fuga dal dolore.
    Aprirsi alla volontà di essere
    semplicemente in questo istante
    così com’è.
    Non più tanto pronti a cadere
    nel vortice inarrestabile della mente.
    Praticare è risvegliarsi al vero Sé:
    nessuno in particolare, nessuna meta.
    Abitando nel cuore, basta essere.

    Siamo tanto di più che questo corpo,
    che questo dramma personale.
    Abbarbicati alla paura,
    alla vergogna, al dolore,
    perdiamo la gratitudine di una vita spontanea.

    Come si manifesta, adesso, il nostro aggrapparci alle opinioni?

    Rilassando il giudizio incessante della mente ci risvegliamo al cuore che cerca il risveglio.

    E quando si alza il velo della separazione,
    La vita si rivela come vuole.
    Liberi dal sogno autocentrato
    possiamo donarci agli altri,
    come un uccello bianco nella neve.

    Il tempo vola.
    Non esitare.
    Accogli grato questa vita preziosa.”

    Cuore Zen – Ezra Bayda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi utilizzare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Copyright © Brahma Kumaris 2015. Tutti i diritti riservati